fbpx

Reggina, Atzori: “almeno otto squadre superiori agli amaranto”

Atzori Foti reggina Gettyimages / Maurizio Lagana

Atzori ritiene che “se la Reggina non dovesse arrivare ai playoff, non sarebbe un fallimento”

Un’analisi sulla Reggina attuale tramite le parole del tecnico che la promozione in Serie A l’ha mancata per un pelo. Il tecnico Gianluca Atzori ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta del Sud, dove ha spiegato la sua visione del campionato cadetto che ha visto la formazione amaranto partire con il freno tirato. “La Reggina è una buonissima squadra, ma secondo me ce ne sono otto di livello superiore, anche se qualcuna di esse potrebbe finire dietro gli amaranto – ha affermato Atzori – . Adesso bisogna pensare a fare punti, senza mettere pressiamo. Non dimentichiamo che stiamo parlando di una matricola, e che la Serie A si programma in almeno due anni, tranne in rare eccezioni. Se la Reggina non dovesse arrivare ai playoff, non sarebbe un fallimento”.

TOSCANO – “E’ un grande lavoratore, merita fiducia intorno a sé. Io sono stato messo quasi subito in discussione all’epoca dal Presidente Foti, aveva percepito delle avvisaglie di una crisi economica che sarebbe esplosa l’anno dopo, sapeva che l’unico modo per uscirne fuori era quello di fare un grande campionato – ricorda Atzori – . Io ero consapevole che quel gruppo non era da vertice, non vedevo neanche il giusto spirito. Dopo la seconda giornata lo dissi pubblicamente. E oggi posso dire che lo rifarei, per rispetto di una piazza che ho sempre amato e portato nel cuore. Anche quando fui richiamato, notai subito che la situazione era precipitata e senza quattro acquisti sarebbe stato impossibile salvarsi. Ero realista”.

SERIE A SFIORATA – “In quella stagione, successe il contrario rispetto a quando sono tornato. Giusto per fare degli esempi: nessuno conosceva Acerbi, pochi Nicolas Viola e Campagnacci. Qualcuno diceva che saremmo retrocessi ed invece tutti sappiamo come andarono le cose, anche se resta il rammarico per quella maledetta notte di Novara”, conclude Atzori.