fbpx

Poste a Messina, la denuncia del consigliere Cipolla: “assembramenti e disagi per gli anziani all’Annunziata”

Poste a Messina, la denuncia del consigliere Cipolla: “mi risulta che l’utenza di questo ufficio si aggiri attorno alle 5mila persone, costrette a file interminabili”

“Assembramenti, code interminabili, disagi soprattutto per gli anziani”. Questi i disagi segnalati dagli utenti dell’ufficio postale dell’Annunziata al consigliere comunale Ciccio Cipolla e denunciati dallo stesso al fine di ottenere un intervento urgente da parte di Poste Italiane. “Più di un residente – afferma l’esponente del consiglio comunale di Messina – mi ha segnalato i gravi disservizi che si registrano quotidianamente all’Annunziata. Ho verificato personalmente e, causa Covid, gli uffici di via Luigi Einaudi, sono aperti solo tre giorni la settimana, lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 8,20 alle ore 13,35 (come conferma l’avviso affisso all’ingresso e riportato nella foto allegata al comunicato)”. Inevitabili le conseguenze negative per la cittadinanza: “Mi risulta che l’utenza di questo ufficio si aggiri attorno alle 5mila persone, costrette a file interminabili. Oltre agli evidenti disagi, soprattutto per gli anziani, non vanno sottovalutati gli assembramenti che si vengono a creare. Ed è palese il controsenso, poiché il nuovo orario dell’ufficio postale dell’Annunziata è stato adottato in funzione del Covid-19. Motivo per cui sarebbe più opportuno spalmarlo su tutti i giorni della settimana e su più ore al giorno. È necessario, in tal senso, apportare dei correttivi urgenti per evitare che la situazione possa degenerare, soprattutto sotto il profilo epidemiologico. Da qui – conclude Cipolla – il mio appello a Poste Italiane affinché intervengano tempestivamente”.