fbpx

Partecipata riunione di militanti del Partito Democratico Calabrese su piattaforma telematica alla presenza di Sebi Romeo e Nicola Irto

Partecipata riunione di militanti del Partito Democratico Calabrese su piattaforma telematica alla presenza di Sebi Romeo e Nicola Irto. Si è dialogato sulla necessità di un rinnovo sostanziale delle metodologie politiche, a partire dalle regole che devono governare la vita democratica di una qualsiasi Comunità

Si è tenuta nella serata di ieri (30/11/20) una partecipata riunione di militanti del Partito Democratico Calabrese su piattaforma telematica. “Il confronto e l’incontro – c’è scritto in una nota– sono i due pilastri su cui si fonda il mondo democratico, e la riunione è scaturita dall’improrogabile e diffuso bisogno di dare una scossa alla Politica. Una Politica Alta che parte dal “Basso”, dalla base del Partito, da chi ogni giorno, nel suo piccolo, con passione ed entusiasmo, dona il suo tempo per piantare un seme di speranza nelle Comunità in cui si trova a operare. La riunione è servita da tramite per il dialogo con gli Organi del Partito Democratico, nell’intento di riannodare la scollatura che spesso fa sentire i partiti lontani dai cittadini. In questo contesto, i militanti e i circoli – Il Popolo Democratico – si fanno punti d’incontro tra le esigenze del cittadino e il mondo della Politica e delle istituzioni. Sono stati presenza attiva i rappresentati di moltissimi circoli calabresi, desiderosi di dare il proprio contributo alla discussione e al confronto. Presenti anche l’ultimo segretario del PD Metropolitano, Sebi Romeo; il Consigliere Regionale Nicola Irto, il Commissario PD per la Calabria Stefano Graziano, il Responsabile PD “Organizzazione” per il Sud, Piero Lacorazza e il Commissario PD per il Sud. Nicola Oddati. Si è dialogato sulla necessità di un rinnovo sostanziale delle metodologie politiche, a partire dalle regole che devono governare la vita democratica di una qualsiasi Comunità.

I commissari del PD hanno convenuto sulla necessità di procedere in tempi rapidi alla “ricostruzione” del Partito Democratico in Calabria che, solo se efficiente in tutti i suoi organi, può dare risposte concrete alla cittadinanza. Infine, si è discusso dell’urgenza di pervenire a una responsabile partecipazione di tutte le forze democratiche alla costruzione di un presente e di un futuro credibili per la Regione Calabria, a partire dall’impegno per la prossima fase elettorale. A tal proposito, è emerso il ruolo edificante svolto dalla Comunità Democratica nel corso delle elezioni comunali a Reggio Calabria e che ha visto il successo e la riconferma di Giuseppe Falcomatà. Il lavoro posto in essere da dirigenti/militanti come Irto e Romeo, con tutti coloro che hanno lottato per il progresso democratico del proprio territorio, ha realizzato, di nuovo, uno stare insieme che è stato indispensabile per sconfiggere l’arroganza delle Destre sullo Stretto. L’esempio vivo di come il Popolo Democratico, quando si assume responsabilità in maniera unitaria, al di là di mere logiche correntizie giustamente accantonate, risulta vincente. Riunioni come questa sono importanti per rappresentare la vicinanza e l’Unità del Partito Calabrese e i partecipanti – nell’ottica di allargare sempre più la partecipazione ad altri Circoli – si sono riproposti di continuare nel loro compito di vigilanza e proposta nei modi e con i mezzi opportuni. Un saluto particolare è stato espresso coralmente al Commissario della Federazione Metropolitana di Reggio Calabria, Giovanni Puccio, che non ha potuto partecipare ma che da sempre è stato vicino al nostro territorio. I militanti riunitisi ieri hanno prodotto, inoltre, un documento di sintesi, critica e proposta che sarà inoltrato al Segretario Nazionale Nicola Zingaretti e alle più alte cariche del Partito Nazionale, al fine di orientare il dibattito interno, e la presenza sul territorio del Partito Democratico, nel senso della centralità dei Circoli e, quindi, dei militanti/iscritti. I quali – necessariamente – dovranno essere coinvolti nei processi decisionali in corso, anche con riferimento al prossimo appuntamento elettorale regionale”, conclude la nota.