fbpx

Dagli investimenti classici al trading sul Forex

Passare dagli investimenti “classici” al trading sul Forex è una progressione naturale per molti trader, sia che lo facciano di professione che come hobby

Ma che cos’è il Forex? E quali sono i vantaggi di questa modalità di trading?

Cos’è il Forex e come funzionano gli scambi

Forex è l’acronimo delle parole “Foreign Exchange Market”, cioé quello che in italiano viene chiamato mercato valutario. Nel Forex quindi si contrattano valute e gli scambi avvengono sempre a coppie: si acquista una valuta e contemporaneamente se ne vende un’altra. Ad esempio, l’EUR/USD è una coppia valutaria che include l’euro e il dollaro statunitense; negoziare su EUR/USD vuol dire che se ne acquista una e si vende l’altra. Ecco come funziona:

– si acquista l’euro e si vende il dollaro se si prevede un rafforzamento dell’euro nella coppia EUR/USD (posizione “long”, al rialzo);

– si vende l’euro e si acquista il dollaro se si prevede un rafforzamento del dollaro nella coppia EUR/USD (posizione “short”, al ribasso).

Nelle coppie di valute, la prima viene definita “valuta di base” e la seconda “valuta quotata”. Dai grafici finanziari si visualizza il prezzo “BID”, ovvero quello di acquisto della valuta base contro quella quotata. Ma come vengono scelti questi prezzi?

Il prezzo delle valute

I prezzi delle valute si formano sul mercato, secondo il classico modello della domanda e dell’offerta. Più una valuta viene acquistata e più il suo prezzo sale, viceversa una minore richiesta ne abbassa il prezzo. I profitti si generano dall’apertura di posizioni al rialzo o al ribasso favorevoli sul cambio valute.

I vantaggi del Forex

Il mercato valutario offre numerosi vantaggi agli investitori ed è sempre molto “trafficato”: ogni giorno vengono effettuati scambi dal valore complessivo di oltre 4000 miliardi di dollari e questo lo rende a tutti gli effetti il mercato più grande al mondo in termini di transazioni. Inoltre, è attivo 24 ore su 24 (weekend esclusi) ed è facilmente accessibile da tutti grazie ai costi operativi molto contenuti e alla possibilità di operare anche con piccoli capitali.

Chi può fare trading sul Forex?

Viste le caratteristiche e i tanti vantaggi, questa tipologia di investimento è adatta a tutti. Se si è alle primissime armi, tuttavia, è fondamentale ottenere prima queste conoscenze prima di iniziare a negoziare su valute:

– studio delle logiche che regolano il mercato;

– comprensione dei meccanismi che influenzano le coppie valutarie;

– analisi approfondita di una coppia valutaria specifica;

– principi base del trading di valute.

Aprire un conto demo

Una volta appresa la teoria si può passare alla pratica e aprire un conto demo, cioè un profilo per svolgere operazioni di trading con un capitale virtuale. Questo è il metodo migliore per imparare e fare esperienza, in quanto tutti i dati sono reali e rispecchiano l’andamento del mercato attuale. Non investendo denaro reale però, si possono analizzare i risultati delle posizioni al rialzo e al ribasso senza alcun rischio.

Le piattaforme di trading vengono offerte da broker, che le usano per farsi conoscere e ottenere possibili clienti in futuro. Per essere certi di iscriversi a piattaforme valide, i broker dovrebbero soddisfare i seguenti requisiti:

–       essere regolati dagli organi di controllo finanziari e certificati dagli enti di tutela;

–       fornire materiali formativi agli utenti, come documenti e videolezioni sul trading;

–       offrire un conto demo gratuito, disponibile a tutti con la sola iscrizione.

La pandemia ha influenzato il Forex trading?

Tutti i mercati azionari hanno risentito in maniera significativa della pandemia e il Forex non è stato da meno. Tuttavia, il cambiamento non è stato in negativo: il traffico di azioni è esploso negli ultimi mesi e ha attirato un enorme numero di nuovi investitori. Parte del motivo è stato sicuramente l’aumento del tempo passato in casa, che ha spinto i trader a informarsi e aprire posizioni sul mercato valutario, ma anche i bassi costi di transazione hanno contribuito al “boom”. Tuttavia, è importante non farsi prendere dall’euforia del momento e diffidare dei broker che promettono guadagni facili.