fbpx

La dichiarazione dei redditi del Governo: Conte più “povero” nel 2020, il Premier superato da Lamorgese

conte gualtieri

Il Premier Conte ha denunciato un reddito complessivo di 205.048 euro contro quello del 2019 di 1.207.391 euro

E’ arrivato il momento della dichiarazione dei redditi per i membri del Governo. Gli italiani si domandando, ma quanto sono ricchi i nostri ministri? Per Il Tempo ha pubblicato in edicola oggi un articolo a firma di Fosca Bincher, pseudonimo del direttore Franco Bechis, un approfondimento sull’argomento nel quale si scopre che nel 2020 il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha perso un milione di euro rispetto all’anno precedente. Il Premier ha denunciato un reddito complessivo di 205.048 euro contro quello del 2019 di 1.207.391 euro. Una perdita di un milione di euro, altro che spicci. La più ricca dell’esecutivo è attualmente il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

conte“Sui 205.048 euro dichiarati Conte paga 61.314 euro di tasse, che rappresentano il 29,9% di quanto dichiarato – si legge nel report del quotidiano – . Non è una grande aliquota fiscale, ma sul suo reddito scattano deduzioni piuttosto importanti, che lo riducono del 22,7%. Il premier ha diritto a una deduzione di 2.327 euro per l’abitazione principale, a cui aggiunge 44.247 euro di ‘oneri deducibili’ che però non vengono specificati. La cifra è importante ed è probabilmente spiegabile con l’assegno di mantenimento all’ex coniuge, essendo il premier separato dall’ex moglie nonché madre di suo figlio Valentina Fico. Il reddito che resta tassabile è dunque di 158.474 euro annui, e il prelievo effettuato sale allora al 38,69%”.

lamorgeseLamorgese ha invece dichiarato nel 2020 la somma di 230.357 euro lordi. Nell’anno la ministra che prima era prefetto ha anche venduto una volta entrata nel governo il proprio portafoglio titoli e anche quello dei derivati che avrebbero potuto crearle qualche imbarazzo: “Terzo posto in classifica per il Ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che ha dichiarato 132.800 euro – scrive il Tempo – . Tutti gli altri ministri hanno presentato dichiarazioni dei redditi che nel 2020 sono state o pochissimo al di sopra o pochissimo al di sotto dei 100 mila euro. Salvo Elena Bonetti (70.364 euro) e il più povero di tutti, il titolare ai rapporti con l’Europa e oggi regista del Recovery Fund, Vincenzo Amendola che aveva un reddito di 34.401 euro lordi. Mancano però all’appello alcuni ministri ritardatari. E fra questi c’è quello che avrebbe dovuto presentare per primo istituzionalmente la sua dichiarazione dei redditi: il Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Anche perché il suo modello 2019 era una barzelletta: 1.149 euro di reddito (non dichiarava infatti il vero reddito da europarlamentare in Italia)”. Dunque terza piazza per Dario Franceschini, con 132.800 euro dichiarati. Tutti gli altri ministri, conclude sempre Il Tempo, hanno presentato dichiarazioni dei redditi pochissimo sopra o sotto i 100mila euro, eccezion fatta per Elena Bonetti, la più “povera”, con un reddito dichiarato di 70.364 euro.