fbpx

Cristiano Ronaldo, l’età è solo un numero: “io come Federer, al top anche da ‘vecchio’. La gente non deve pensare che sono lento”

Foto Getty

Cristiano Ronaldo vuole chiudere la sua carriera al top della forma: cura del corpo e mentalità vincente, la gente non lo vedrà mai ‘lento’

DAZN ha creato un nuovo format chiamato ‘Parallel Wolrds’ nel quale mette a confronto le vite di grandi sportivi appartenenti a discipline diverse. Interessante il confronto fra Cristiano Ronaldo, fuoriclasse della Juventus e il pugile Gennady Golovkin. Stelle dei rispettivi sport, i due campioni, seppur differenti in tanti aspetti, sono accomunati da un aspetto fondamentale: la competitività nonostante la carta d’identità che segna 35 anni per CR7, 38 per il pugile.

Cristiano Ronaldo ha fatto un interessante parallelismo con Golovkin, concentrandosi sul suo passato e le difficoltà di lasciare la famiglia: “quando ero al Manchester United un allenatore faceva boxe con me. Penso che praticarla possa fare bene a un calciatore perchè acuisce i tuoi sensi e impari a muoverti. Io e Golovkin siamo cresciuti in ambienti e culture diverse. E’ stata dura perchè proveniamo da famiglie umili, non eravamo ricchi, quindi dovevi lottare per la tua vita. Le circostanze in cui cresci induriscono la tua personalià e il tuo carattere. Sono nato sull’isola di Madeira e all’età di 11 anni lo Sporting è andato a parlare con i miei genitori. Hanno detto loro che erano interessati ma mi sarei dovuto trasferire a Lisbona. Quando ho parlato con loro mia madre mi ha detto: “Figliolo, se è così e vuoi, vai”. Ho pianto tutti i giorni perchè mi mancavano. Questo è stato il mio momento più difficile al pari della perdita di mio padre. Penso che sia bello avere emozioni, non nascondono chi siamo. Chi ha detto che gli uomini non piangono. Tutti abbiamo sentimenti e dobbiamo esprimerli“.

Foto Getty / Ashley Vlotman

Per quanto riguarda la questione età, Cristiano Ronaldo spiega che la cura del proprio corpo e la voglia di non sentirsi mai inferiore ai suoi standard abituali lo faranno giocare sempre al top, come Roger Federer: “a 33 anni inizi a pensare di essere in discesa ma io voglio continuare a giocare a calcio. La gente potrebbe pensare: ‘Cristiano è stato un giocatore incredibile ma adesso è lento’. Non voglio che questo accada. Puoi prenderti cura del tuo corpo ma non è questo il problema. Dipende dalla tua testa, dalla tua motivazione ed esperienza. Federer ad esempio ha 39 anni ed è ancora al top“.