fbpx

Coronavirus, Sicilia in zona arancione dal 7 gennaio? L’indice Rt mette l’Isola a rischio moderato

conte speranza sicilia zona arancione

Dopo l’Epifania l’Italia tornerà alla suddivisione a “colori”: il rapporto dell’Iss mette in bilico la posizione della Sicilia, non proprio sicura della zona gialla

E’ stato un risveglio da zona rossa per italiani, che per la notte di Capodanno (dalle 22 alle 7) dovranno rispettare il coprifuoco. Mentre i cittadini pensano a come poter trascorrere gli ultimi giorni di festività, il Governo e il Ministro Speranza annunciano il ritorno delle aree a “colori” a partire dal 7 gennaio. Dall’ultimo monitoraggio dell’Iss (relativo al periodo 21-27 dicembre e aggiornati al 29) si nota che ci sono nove Regioni che preoccupano per l’Rt. Tre di queste (Calabria, Liguria e Veneto) hanno un indice di contagiosità maggiore di 1 e sono in scenario 2, altre sei invece richiedono un’attenzione particolare. In questa fascia è inclusa anche la Sicilia, che deve l’orizzonte colorarsi di arancione.

coronavirus pandemiaPer determinare colore, quindi i divieti sarà certo determinante l’Rt, oltre all’organizzazione del servizio sanitario e all’efficienza del contact-tracing. Essere sopra o sotto il valore di 1 può fare la differenza. La Sicilia in questo momento, con il suo Rt a 0.93 è classificata tra i territori a rischio moderato e quindi ha il rischio di essere classificata zona arancione. Il bollettino ufficiale diffuso ieri 30 dicembre dal ministero della Salute afferma che nell’Isola sono risultati 1.084 nuovi casi su 8.497 tamponi processati, con un tasso di positività quindi abbastanza alto (12,7%).

coronavirus protesta ristoranti

Gettyimages / francescoridolfi.com

Tornare in zona arancione significa dover rispettare diverse restrizioni: non sarà possibile entrare o uscire dalla Regione, tranne per “comprovate esigenze” dunque motivi di lavoro, salute e necessità. Saranno vietati gli spostamenti da un Comune all’altro (anche in questo caso però sono ammessi gli spostamenti per “comprovate esigenze”). Per bar e ristoranti non sarà possibile garantire il servizio al tavolo, ma soltanto domicilio e asporto fino alle 22 “con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze”. Cinema, teatripalestre piscine restano chiusi, ma è ancora possibile fare attività sportiva individuale all’aperto nel rispetto del distanziamento. Bus e mezzi di trasporto dovranno essere occupati al 50%. Sempre valido il coprifuoco dalle 22. Insomma, la Sicilia rischia ancora la zona arancione e nonostante l’avvio della campagna vaccinale la battaglia contro il Coronavirus non è ancora stata superata.