fbpx

Caso Ripepi, l’Unione Donne in Italia: “si dimetta da tutte le cariche istituzionali”

L’Unione Donne in Italia di Reggio Calabria nel perseguire “l’idea che una società libera non dia la possibilità a qualsiasi forma patriarcale di rappresentarsi negli organi democratici, chiede quindi le dimissioni del Consigliere Ripepi dal consesso civico e da tutte le cariche istituzionali”

“Tra le molteplici forme in cui si incarna il patriarcato vi sono le numerose riproduzioni in modo subdolo nelle sfere sociali, privata, religiosa associativa e politica. Il patriarcato, come la mafia, nega la propria esistenza ma si trova dappertutto ed è il miglior alleato del maschilismo e del razzismo. In questi giorni ne stiamo percependo segnali forti e chiari nell’orrenda vicenda di abuso su minore che sta attraversando la nostra città”. E’ quanto scrive in una nota l’Unione Donne in Italia. “Ci chiediamo – prosegue la nota- quale sia il codice etico e morale che questo patriarca- “papà”- santone proponga ai suoi seguaci e se ricoprire cariche pubbliche sia coerente con il credo patriarcale che professa. Il patriarcato ha fatto, fa e farà vittime segnalate nelle aule dei tribunali o presenti nelle cronache e dimenticate il giorno dopo, o per la stragrande maggioranza celate nelle nostre case e mai denunciate. Noi donne, madri, figlie, lavoratrici, imprenditrici abbiamo il diritto, l’opportunità e l’obbligo di rompere il muro di omertà denunziando e focalizzando l’attenzione su quello che succede sotto i nostri occhi”.

L’Unione Donne in Italia di Reggio Calabria nel “perseguire l’idea che una società libera non dia la possibilità a qualsiasi forma patriarcale di rappresentarsi negli organi democratici, chiede quindi le dimissioni del Consigliere Ripepi dal consesso civico e da tutte le cariche istituzionali”.