fbpx

Calabria, 28 corali del ‘500 tornano alla Biblioteca Civica di Cosenza dopo il restauro realizzato a Reggio dal laboratorio “Scripta manent” [FOTO]

/

Arte e cultura: a Reggio Calabria il delicatissimo restauro di 28 corali del ‘500 riconsegnati alla Biblioteca Civica di Cosenza dopo l’egregio lavoro del laboratorio di restauro artistico reggino “Scripta manent”

Dopo mesi e mesi di lavoro, giovedì 3 dicembre sono stati riconsegnati alla Biblioteca Civica di Cosenza 28 corali che risalgono al ‘500 e che furono all’epoca realizzati da frati domenicani e francescani. Come si legge sulla pagina facebook della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, i Corali sono stati restaurati dopo lo smontaggio dalla legatura originale e le varie fasi di pulitura a secco, spianamento, smacchiamento e lavaggio e risanamento di lacune presenti nelle carte.

Grazie al preziosissimo e minuzioso lavoro del laboratorio di restauro artistico di Reggio Calabria “Scripta manent” di Clementina Nucera, i volumi cinquecenteschi hanno potuto riprendere vita e recuperato tutta la loro bellezza con operazioni che hanno messo in risalto particolari inediti dei Corali. La competenza e meticolosità dei tecnici di Scripta manent è stata quindi quella di riuscire a restituire l’integrità dei singoli volumi e la leggibilità degli antichi testi.

Tra le operazioni di recupero sono state anche restaurate le assi in legno e le coperte originarie dei Corali che erano in cuoio, successivamente si è proceduto alla cucitura delle carte sulle tracce originali, al rifacimento dei capitelli su anima in cuoio arrotolata e fili di seta cuciti al centro di ogni fascicolo.

I Codici conservano melodie polifoniche costruite ex novo e provengono da una buona scuola di miniatura e copiatura. Da uno studio è emerso che sui Corali sono tracciati canti che non trovano riscontri in fondi ufficiali e, pertanto, con ogni probabilità di uso locale.

L’intervento di restauro ha ridato la possibilità di consultare questo preziosissimo patrimonio conservato alla Biblioteca Civica di Cosenza.