fbpx

Brasile, fallita la ‘combine’ nel derby di Teresina: l’incredibile storia della punizione che rovina i piani dei tifosi del River

L’incredibile storia del derby di Teresina e della ‘combine’ sfiorata: la rivalità fra River e Flamengo, la volontà dei tifosi e una strana punizione

In Brasile esiste un particolare derby che coinvolge River e Flamengo, anche se non si tratta di River Plate e Flamengo di Rio, bensì due squadre della capitale dello stato di Piauì: River Atletico Clube e Esporte Clube Flamengo. In mezzo c’è anche un po’ d’Italia: la città nella quale giocano le due squadre è Teresina, nome che deriva da Teresa Cristina di Borbone-Due Sicilie, principessa italiana nata a Napoli il 14 marzo 1822, figlia di re Francesco I delle Due Sicilie, moglie dell’imperatore Pietro II.

Nell’ultima giornata del torneo, il River Atletico Club, squadra più popolare dello stato, aveva la possibilità di condannare alla retrocessione gli acerrimi rivali. Come? Perdendo la partita che avrebbe giocato in casa contro il Timon. I tifosi sui social hanno lanciato la campagna “hoje è dia de perdere” (oggi è il giorno in cui si perde), chiarendo fin da subito quale sarebbe stato il risultato a loro gradito. Per 86′ minuti il River si è ritrovato sotto nel punteggio per 0-1, per l’incredibile gioia dei tifosi che già pregustavano la retrocessione dei rivali, ma una clamorosa punizione di Joao Gabriel ha fissato il punteggio finale sull’1-1 a 4 minuti dalla fine. Niente sconfitta e salvezza per il Flamengo che ringrazia inaspettatamente. Il primo caso in cui i tifosi sono scontenti per un gol su punizione, che evita la sconfitta, a partita quasi conclusa!