fbpx

Sanità in Calabria, il Governo non riesce a sbrogliare il nodo commissario: Conte incassa il “no” di Tronca e D’Andrea

conte speranza sicilia zona arancione

Continuano le trattative per nominare il prossimo commissario alla sanità in Calabria: il Governo adesso non può più sbagliare sbagliare

Si è assunto tutta la responsabilità il Premier Giuseppe Conte, ha difeso il Ministro Roberto Speranza chiedendo scusa ai calabresi per le ultime tristi vicende relative al discorso sanità, ma ora sembra non riuscire più a venirne fuori. In poche settimane il Governo ha collezionato soltanto una serie di figuracce, a discapito di 2 milioni di cittadini che ancora oggi chiedono risposte concrete. Prima il disastro del generale Cotticelli, poi le clamorose gaffe di Zuccatelli, infine anche il rifiuto del manager sanitario Gaudio. Adesso sbagliare non è più possibile, ci sono a disposizione una serie di nomi, ma la nomina del prossimo commissario alla sanità sarà tutt’altro che facile. E il tempo ha disposizione non è molto. Anzi, a dir la verità, il limite è già stato superato.  Il presidente del Consiglio si è visto rifilare altri due “no” in pochissime ore: a chiudergli la porta in faccia sarebbero stati sia l’ex prefetto Francesco Paolo Tronca (un passato nella gestione commissariale del Comune di Roma dopo la decadenza del sindaco Ignazio Marino) sia Federico Maurizio D’Andrea (ex ufficiale della Guardia di finanza e investigatore di Mani Pulite).

Come riporta La Stampa, Tronca avrebbe avuto un incontro a pranzo con il viceministro Sileri, ma poi avrebbe declinato l’invito direttamente a Conte.  Era visto come un uomo delle istituzioni, in grado di adottare il pugno duro quando necessario e allo stesso tempo di ricorrere alla sua notevole capacità di mediazione. D’Andrea invece era il profilo capace di mettere d’accordo tutti, ma aveva espresso più di qualche perplessità sui tempi dell’incarico. Stando al Decreto Calabria bis, il supercommissariamento della sanità dovrebbe avere un limite temporale di due anni, da prorogare eventualmente solo di altri 12 mesi. Questi paletti avrebbero frenato trattative che parevano essere abbastanza avanzate e adesso il Governo si trova in mano una difficile gatta da pelare, una sitazione problematica che però deve essere risolta al più presto.

Sileri: “a Tronca nessuna richiesta formale per Calabria. Importante avere squadra di dirigenti locali a supporto”

“A Tronca non è mai arrivata una richiesta formale. Si sta valutando un nuovo commissario, ma anche una squadra che lo supporti, perché il fatto di avere dei dirigenti locali che possano supportare il commissario é importante”. Lo ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, intervenendo ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus in merito alla possibile nomina di Francesco Paolo Tronca a commissario per la Sanità in Calabria. “Io e Tronca siamo amici da 15 anni, spesso mi incontro con lui. Abbiamo parlato ovviamente di questo. E’ un mio consigliere occulto, avendo lui esperienza da vendere, quando ho un problema chiedo a lui un consiglio”.

“La Calabria – ha proseguito – ha 10 anni di commissariamento alle spalle, anni che non hanno sortito grandi risultati evidentemente. Quando vi è un problema del genere, vuol dire che vi è un problema di sistema. Serve un ulteriore sforzo per un grande supporto centrale, una struttura di missione che supporti in maniera forte il commissario”.