fbpx

Rifiuti a Reggio Calabria, Klaus Davi: “fare pagare la Tari con la città invasa dall’immondizia sembra il pizzo”

Rifiuti a Reggio Calabria, Davi: “tasse vanno pagate, ma prima va ripulita la città”

Premesso che le tasse vanno pagate e lo stesso vale per la contestatissima Tari, ci vuole coraggio a mandare in giro casa per casa i bollettini da 800 euro recapitati in queste ore ai cittadini benché la città sia ancora costellata di rifiuti. In campagna elettorale il sindaco aveva detto che avrebbe risolto il problema; ma siamo da capo. Il rischio di questo tipo di tasse – che sono effettivamente irrinunciabili per erogare servizi – è che vengano percepite come una forma di pizzo legale perché a fronte del salatissimo pagamento molti cittadini non ne traggono alcun beneficio, anzi. Non solo: l’enorme danno di immagine per la città è palese. Chi ne risponde? Quindi la proposta è che la tassa venga momentaneamente sospesa o quantomeno rinviata con un provvedimento d’urgenza della Giunta. Un’amministrazione seria dovrebbe prima impegnarsi a pulire la città e poi, di conseguenza, a far pagare il servizio. Ripetiamo: le tasse vanno pagate, e la Tari non fa eccezione, ma un rinvio fino quantomeno al prossimo gennaio – viste le tante promesse fatte e disattese dai vincitori delle elezioni – sarebbe stato auspicabile e un gesto di serietà verso reggine e reggini che si sentono beffati“. Lo ha dichiarato Klaus Davi.