fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Rifiuti a Reggio Calabria: cumuli di spazzatura in Via Scaccioti [FOTO]

/

Prosegue l’emergenza rifiuti a Reggio Calabria: cumuli di spazzatura in Via Scaccioti, le immagini

Prosegue l’emergenza rifiuti a Reggio Calabria: dal centro alla periferia la situazione resta sempre difficile. Un lettore segnala: “innumerevoli volte si è chiesto  un intervento agli uffici competenti al fine di rimuovere i cumuli di rifiuti che da mesi interessano la Via Scaccioti sulla SS 18 II° Tratto in località Archi di Reggio Calabria. Ai numeri di telefono dedicati non risponde nessuno, di conseguenza è stato segnalato il problema al Comando dei Vigili Urbani ma ad oggi senza nessun risultato. Le condizioni igienico sanitarie risultano assai precarie, nella zona antistante i rifiuti da circa 3 mesi oramai in sosta a ridosso dei marciapiedi, si avverte un forte cattivo odore ed una presenza massiccia di insetti e vermi. In una Città dove la Tari è così esosa non è possibile sopportare ancora questa deprecabile situazione. Non ci sono parole per esprimere tutto il disappunto nei confronti dell’Amministrazione, palesemente incapace di garantire i diritti essenziali dei cittadini. Da anni costretti a subire il grave problema dei rifiuti, non si comprende come chi dovrebbe gestire il servizio  non si sia  reso conto che il porta a porta non funziona. Per non parlare delle strade oramai strumenti di distruzione di auto e  mezzi a due ruote per via delle voragini che hanno causato anche vittime, nonostante tutto con grande indifferenza dell’Amministrazione Comunale. Non si può ulteriormente soprassedere all’assenza di risposte da parte del Comune, stanno per arrivare ai cittadini somme considerevoli da pagare per la TARI e non solo ed il momento non è dei più felici. Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti, per la mancata raccolta partirà formale denuncia alle autorità competenti e richiesta di sgravio all’Amministrazione  per il mancato servizio. Si preferisce sostenere spese legali per la tutela dei diritti e non riempire le casse ad una Amministrazione incapace ed indifferente alle legittime richieste dei cittadini che chiedono semplicemente la garanzia  dei diritti essenziali, nulla di più nella Città del nulla”, conclude il lettore.