fbpx

Regione: proroga dello smart working per i dipendenti della Regione

Regione Calabria

Regione: proroga dello smart working per i dipendenti della Regione a causa dell’emergenza da Covid-19

Di seguito il testo integrale della proroga dello smart working per i dipendenti della Regione Calabria: 

Ai dipendenti del Consiglio regionale
Ai Dirigenti del Consiglio regionale
Alle Strutture speciali
Alla Società Portanova spa
Alle OO. SS.

OGGETTO: misure organizzative in considerazione dell’attuale situazione di emergenza sanitaria da COVID – 19.

Con la circolare della Direzione generale del 5 novembre 2020, prot. n. 22620, che qui si richiama integralmente , preso atto del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020 nonché dell’Ordinanza del Ministero della Salute del 4 novembre 2020 che hanno applicato alla Regione Calabria le misure di contenimento del contagio cui all’art.3 del predetto decreto statuendo, tra l’altro, che i datori di lavoro pubblici limitino la presenza del personale nei luoghi di lavoro per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente tale presenza, anche in ragione della gestione dell’emergenza; il personale non in presenza presta la propria attività lavorativa in modalità agile sono stati organizzati gli uffici, fino al 21 novembre 2020, salvo eventuali proroghe delle disposizioni del Ministero della salute, assicurando in presenza soltanto le prestazioni lavorative considerate indifferibili e prevedendo lo svolgimento esclusivamente in modalità agile delle residue attività lavorative del personale dipendente. Dato atto, che con comunicato n.293 del 20 novembre 2020, il Ministero della salute ha reso noto che il Ministro della Salute ha firmato un’ordinanza, in vigore dalla data odierna e valida fino al 3 dicembre 2020, con cui si rinnovano per quanto concerne la Regione Calabria le misure di contenimento del contagio di cui all’art 3 del sovra citato decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri; Sentiti i dirigenti che si sono espressi in senso favorevole all’adozione della presente disposizione Tanto premesso si dispone di prorogare le disposizioni contenute nella predetta circolare della direzione generale del 5 novembre 2020, prot. n. 22620 fino alla data del 3 dicembre 2020, salvo modifiche o eventuali ulteriori proroghe previste dal Ministero della salute. Gli uffici, pertanto, continuano ad essere organizzati assicurando in presenza soltanto le prestazioni lavorative considerate indifferibili. Le residue attività lavorative del personale dipendente verranno svolte esclusivamente in modalità agile. La predetta disposizione si applica, fatta salva diversa determinazione, agli smart working attivi presso le strutture speciali destinatarie della presente. Ciascun dirigente, nei casi in cui si verifichino situazioni dettate da necessità contingenti o esigenze organizzative da richiedere la presenza di dipendenti in servizio, può disporne, a rotazione, la temporanea presenza in sede. Si evidenzia, inoltre, che, entro il 31 dicembre p.v., occorrerà fruire delle ferie anno 2020 in misura non inferiore alla metà dei giorni previsti dall’art.28 del CCNL funzioni locali. Alle ferie si aggiungono le festività soppresse che vanno comunque godute entro il 31 dicembre dell’anno di riferimento. A far data dal 4 dicembre 2020, salvo modifiche o eventuali proroghe previste dal Ministero della salute, ritorneranno in vigore le disposizioni organizzative inerenti allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile previste nella circolare della Direzione generale del 14 settembre 2020, prot. n.19242.

Il Direttore generale
Avv. Maria Stefania Lauria