fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Reggina, un messaggio distensivo nel momento giusto

conferenza Gallo Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

L’intervento del presidente Gallo, nel post Reggina-Spal, è da prendere come messaggio distensivo in un momento importante

“Non è un momento difficile, l’ambiente è sereno. Capisco che ci si aspettava una partenza diversa, ma la Reggina ha iniziato bene in campionato, anche oggi ha giocato una buona partita. Siamo ancora all’inizio, c’è del tempo per recuperare. Siamo forti. Anzi, lo dico proprio dopo una sconfitta, oggi sono ancora più convinto che possiamo fare un ottimo campionato, ottimo forse è anche poco”. Un messaggio distensivo dal punto più alto della piramide, il presidente Luca Gallo, nel momento giusto. Era quello che serviva a tutto l’ambiente, a maggior ragione dopo le “abitudini” della scorsa stagione, dove fioccavano le vittorie, e anche larghe. Era quello che serviva per dare la scossa ad una squadra che crea tanto ma produce poco, non riuscendo a venirne fuori e rischiando così di demoralizzarsi.

L’ha specificato, il presidente. E ha fatto bene: “Non è un momento difficile, l’ambiente è sereno”. E menomale, ci mancherebbe. Sono passate appena 6 giornate e ce ne sono ancora 32 da giocare. In più, la Reggina ha sempre dimostrato superiorità sull’avversario, a parte il secondo tempo di Lignano, venendo beffata dagli episodi, come raccontato in altra pagina.

Sembrano passati secoli dal 22 gennaio scorso, l’ultima volta che il numero uno amaranto si era presentato in sala stampa dopo una partita. Era un’altra sconfitta, la prima del nuovo anno, la prima interna stagionale e la seconda in assoluto. La Virtus Francavilla aveva sbancato in rimonta il Granillo all’inizio del girone di ritorno e la Reggina si apprestava ad ospitare, qualche giorno dopo, il Bari secondo in classifica ma tenuto a debita distanza. Si scelse per il ritiro, fu la stessa squadra a deciderlo come comunicato dal presidente. Non fu definito ritiro punitivo, effettivamente non lo era, ma l’impressione è che nell’aria ci fosse un po’ di tensione, ritenuta esagerata anche dal sottoscritto. Alla fine tutto si risolse per il meglio. Il ritiro durò meno del previsto, la Reggina pareggiò immeritatamente in casa contro il Bari e tutti sappiamo come la stagione andò a finire. Non sapremo mai, ovviamente, se quell’intervento post partita fu risolutivo o meno. Viene da pensare, per come sono andate le cose, che forse fu necessario. Per certi versi, però, venne fuori un po’ di agitazione all’esterno, un’agitazione che invece oggi non avrebbe giovato.

Per questo, le parole di ieri del presidente non fanno altro che mettere i giusti paletti ad una situazione che ad oggi è tranquillissima, e da tale viene gestita, evitando le tensioni che furono. Al netto degli episodi controversi, dell’aver raccolto meno di quanto meritato e di qualche “mancanza tattica”, guardando le prestazioni e considerando che siamo ancora all’inizio, non si può che restare assolutamente tranquilli.

Giovanni Ayroldi, la Reggina, le sceneggiate di Sottil, il buon senso e la coerenza rimasta a casa… [VIDEO]