fbpx

Pasquale Marino (e la Spal) bestie nere della Reggina: 5 su 5 al Granillo, ma quanta fortuna!

marino bestia nera reggina

Pasquale Marino e la Spal bestie nere della Reggina: il tecnico siciliano ottiene la sua quinta vittoria su cinque partite al Granillo

La Reggina, ieri, ci ha messo tanto del suo per perdere contro la Spal, è vero. Ma è anche vero che avrebbe meritato (come minimo) un pareggio. Lo si deduce dalla prestazione tutto cuore, dal grande impegno nonostante l’inferiorità numerica, dal palo e dal rigore fallito. Eppure è uscita dal campo senza neanche un punto, piena di rabbia e frustrazione per aver raccolto di nuovo meno di quanto meritato. Il motivo? Pasquale Marino (e la Spal), forse…

La compagine biancazzurra conferma la sua tradizione favorevole a Reggio Calabria, dove è tornata a vincere a distanza di più di 40 anni. Con il tecnico, ancor di più, si tratta di una vera e propria maledizione per i colori amaranto. L’ex allenatore di Catania e Udinese, in 5 incontri da allenatore avversario al Granillo, ha sempre ottenuto punteggio pieno. Una bestia nera, praticamente. Ma, è giusto anche metterlo in evidenza, la fortuna ha spesso girato dalla sua parte, un po’ come accaduto ieri. Non è infatti la prima volta che le squadre dell’allenatore siciliano sbancano il Granillo con episodi favorevoli e un po’ di fortuna, appunto.

A quanti, la partita di ieri, ricorda quella tra Reggina e Catania del 5 novembre 2006? Forse la miglior prestazione in carriera del portiere rossoblu Pantanelli, che le para praticamente tutte. E’ Giorgio Corona invece, nell’unica conclusione etnea verso la porta amaranto, a beffare Pellizzoli e regalare tre punti ai siciliani, freschi di ritorno in A.

Ma come non dimenticare anche il match del 12 aprile 2009, uno degli ultimi casalinghi della Reggina in Serie A. Giorno di Pasqua, l’Udinese sbanca il Granillo con due reti negli ultimi 5 minuti di gara. La prima, di Floro Flores, avviene all’85’, ben tre minuti dopo il rigore fallito da Franco Brienza, proprio come Denis ieri. Una Reggina che, allora, aveva rischiato di passare in vantaggio nonostante fosse addirittura in 9 uomini, per via delle espulsioni di Lanzaro e Barillà. Insomma, tante analogie, ma anche tanta fortuna…

Reggina, che nessuno tocchi German Denis!

La Reggina, gli episodi e una “ruota” maledetta: ma quanto è “bastarda” la Serie B?

Reggina, Gallo si infuria per l’espulsione a Menez: “Se si danno questi rossi le partite finiscono 1vs1. Denis con le palle, questa squadra farà un ottimo campionato”

Reggina, Toscano: “l’arbitro ha voluto fare il protagonista, serve tanta rabbia per uscire da questo momento difficile”

Reggina-Spal 0-1, le pagelle di StrettoWeb: Denis “preda” di se stesso, Menez la combina grossa