fbpx

Messina, la scuola al centro di una riunione in Prefettura: “necessario svolgere attività didattica in presenza”

In Prefettura a Messina, riunione sul monitoraggio della emergenza epidemiologica da Covid-19 negli istituti scolastici cittadini

Nella mattinata odierna, si è tenuta in Prefettura una riunione in modalità videoconferenza presieduta dal Prefetto, dott. Gea Maria Carmela Librizzi, cui hanno partecipato il Sindaco di Messina, i responsabile Covid-19 dell’ASP di Messina, dott. Crisicelli, e il dirigente l’ufficio scolastico provinciale, al fine di approfondire la situazione attuale della diffusione del contagio da Covid-19 nelle scuole della città capoluogo e alle misure da porre in essere, in relazione al provvedimento sindacale di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado del capoluogo con validità fino alla giornata di domani 10 novembre.

Preliminarmente, il Prefetto ha delineato il quadro normativo di riferimento contenuto nel DPCM del 3 novembre 2020 e, di conseguenza, richiamato l’attenzione sull’opportunità di una valutazione sanitaria che sia volta a monitorare eventuali specifiche situazioni di criticità degli istituti scolastici.

I presenti hanno concordato sulla necessita del pieno rispetto dei Protocolli sanitari vigenti in materia ed hanno evidenziato l’esigenza di un corretto flusso informativo tra l’ASP, l’Ente locale e i dirigenti scolastici, in merito alla presenza di contagi nei diversi istituti scolastica ed alla entità degli stessi al fine dell’adozione dei più idonei provvedimenti di attuazione di misure di contenimento del contagio da Covid-19.

Tali provvedimenti in base al numero dei contagi potrebbero prevedere, come noto, la Chiusura dell’intero plesso scolastico, ovvero limitarsi a disporre l’isolamento della singola classe dove si sono riscontrati casi di positività.

Inoltre, è stata ribadita la necessita che, nel caso in cui non venga rilevata alcuna criticità, gli istituti scolastici continuino a svolgere attività didattica secondo quanto previsto dal DPCM del 3 novembre 2020 in vigore nella zona di pertinenza della Regione Sicilia.