fbpx

Il toccante messaggio di Nino Spirlì per ricordare Jole Santelli nella notte del 1° novembre: “Vai, Tesoro mio! Non ascoltare le lagnanze di un piccolo umano”

Il commosso ricordo di Nino Spirlì alla presidente Jole Santelli

“È in questa notte di Veglia, la notte dei Santi, che penso a Te, Joletta mia.
Manchi. Eccome, se manchi!
Queste due settimane hanno camminato su un addolorato sentiero di cristalli rotti. Taglienti e penosi. Ad ogni passo, una Croce. Senza un istante di fiato rigeneratore.
Sì, l’affetto attorno è tanto, ma noiddue, come glielo possiamo raccontare, cosa siamo noiddue?
Amici? Non basta. Siamo quel qualcosa in più del più. Quel giro nell’aria fina: quasi una piroetta su una nuvola.
A noiddue basta uno sguardo fugace, una frazione di un istante, per partire in battaglia o spegnere un incendio.
A noiddue, gli anni sembrano un lampo e il ricordo di un momento dura in eterno.
Sento un filo di fumo di sigaretta. L’affannarsi di un filo di perle che cerca di brillare più di Te, cercando attenzioni a cui sa di dover rinunciare, perché la perla più luminosa sei Tu, Gioiamia.
Sento arrivare, da un salotto in penombra, nel cuore di una Roma che non è più, il velluto della Tua voce.
Sfioro in un sogno le mani e i piedi avvolti in un plaid di cachemire. E siamo ancora noiddue.
Sì, nella Veglia dei Santi, manchi. Però…
Vai, Tesoro mio! Non ascoltare le lagnanze di un piccolo umano. Vai! E, potendo, dimmi come si sta oltre questo velo”. E’ questo il post pubblicato stamattina su facebook da Nino Spirlì, presidente ff della Regione Calabria, nel giorno del 1° novembre con una dedica speciale alla Presidente Jole Santelli scomparsa prematuramente lo scorso 15 ottobre.