fbpx

Illumina novembre: al via la campagna di sensibilizzazione sul cancro al polmone

Per il 6° anno consecutivo e nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, Alcase Italia rilancia la campagna

Anche quest’anno, l’organizzazione ALCASE Italia ODV (www.alcase.eu) porterà avanti la  sua campagna di sensibilizzazione nazionale, denominata “ILLUMINA NOVEMBRE”. La campagna durerà tutto il mese di Novembre 2020 e avrà lo scopo di creare occasioni di  sensibilizzazione sulla realtà del cancro al polmone, risvegliando le coscienze ed attirando l’attenzione dell’opinione pubblica su una malattia di cui si parla ancora troppo poco.  

Nel 2020, più che negli anni passati, sarà importante generare consapevolezza sul cancro del  polmone perché i mesi della pandemia da Covid 19, soprattutto nei periodi di più intensa  emergenza, sono stati caratterizzati da un numero bassissimo di nuove diagnosi. E’ però  convinzione degli esperti che, nei prossimi mesi, i casi non diagnosticati in questa primavera  possano venire alla luce e debbano essere presi in carico del sistema sanitario nazionale, con  l’aggravante del manifestarsi della malattia in uno stadio più avanzato e meno efficacemente  trattabile.  

Anche quest’anno, grazie anche al supporto non condizionato di AstraZeneca, è prevista  la partecipazione di Roma, la capitale d’Italia, insieme a tanti altri grandi e piccole città d’Italia.  Citiamo qui solo alcuni dei più grandi comuni che hanno già dato la loro adesione: Napoli,  Bologna, Bari, Catania, Trento, Firenze, Cagliari… (al link la lista completa e sempre  aggiornata: https://www.alcase.eu/illumina-novembre-2020/).  

Dal lontano 2003, il mese di Novembre è, a livello internazionale, Lung Cancer Awareness  Month (LCAM, https://lcam.org). Dal 2015, il LCAM di ALCASE è divenuto ILLUMINA  NOVEMBRE, una iniziativa di forte impatto visivo ed emotivo, certamente molto efficace, se  capillarmente diffusa. L’iniziativa consiste nell’illuminare o “vestire” (con luci o nastri o fiocchi  o palloncini…) di bianco – colore internazionalmente scelto per indicare la neoplasia polmonare 

– per un giorno, un weekend, una settimana o l’intero mese di novembre una parte del territorio Italiano. Sia esso una abitazione privata, un singolo edificio, pubblico o privato, o un luogo  simbolo di una città: un monumento, la facciata di un palazzo, una fontana…  

ILLUMINA NOVEMBRE 2020 è un appuntamento fondamentale per catturare l’attenzione  dell’opinione pubblica verso una patologia che rimane ancora oggi ancorata al “marchio  negativo del fumatore” e a quello, altrettanto negativo, “dell’incurabilità”.  

Oggi son sempre più numerosi i giovani e le donne, spesso non fumatori o ex-fumatori, che  si ammalano. E ciò nonostante, esiste un forte stigma legato al fumo nei loro confronti,  come ben documentato in un recente Survey della Global Lung Cancer Coalition (http://www.lungcancercoalition.org/global-polling.html).  

E’ doveroso correggere una situazione ineguale fra i malati di cancro, e far sì che anche i  malati di cancro al polmone ricevano la stessa empatia, gli stessi trattamenti di qualità, e la  stessa garanzia di impegno di scienziati e ricercatori di tutto il mondo…Questo sarà il primo  obiettivo della campagna!  

I recenti progressi della biologia molecolare in campo tumorale unitamente all’introduzione  della nuova classe di immunoterapici, hanno determinato, nuove possibilità di cura o di  controllo a lungo termine della malattia. Oggi molte delle persone che hanno ricevuto  una diagnosi di tumore del polmone convivono con la malattia, mantenendo una livello di  qualità di vita affine a quello precedente al presentarsi della stessa e continuando a svolgere  le medesime attività di prima. Che la diagnosi della malattia non sia più una sentenza di  morte deve essere portato all’attenzione di tutti e grazie alla campagna sarà fatto!  Parallelamente, è assolutamente necessario che sia diffusa la consapevolezza  dell’importanza dei test genetici sul tumore, analisi preliminare ad ogni tipo di cura  innovativa.  

Ancora, la neoplasia viene scoperta troppo spesso tardivamente… C’è dunque bisogno  di informare tutti su come riconoscere i sintomi precoci del cancro al polmone e c’è,  soprattutto, il bisogno di far sapere a tutti che esiste un modo certo, approvato da tutta la  comunità scientifica internazionale, per scoprire il tumore quando è ancora assolutamente  curabile: si chiama screening! (https://www.alcase.eu/prevenzione-secondaria/). 

Infine, la ricerca medica sul cancro al polmone rimane gravemente sotto-finanziata (se  confrontata a quella di altri tumori) ed i progressi, che pur ci sono, sono assai minori di quelli  che si potrebbero ottenere se non ci fosse un tale “gap” di finanziamenti alla ricerca… Anche  questo primato negativo deve essere portato alla conoscenza di tutti!