fbpx

Reggina, la situazione in vista di Empoli: tra indisponibili, dubbi e possibili sorprese…

lafferty toscano rivas

Reggina impegnata sabato a Empoli: la situazione tra indisponibili, dubbi e possibili sorprese

Non il miglior avversario in un momento in cui serve ritrovare qualche certezza, rialzare il morale e cominciare a portare gli episodi dalla propria parte. La Reggina è pronta ad affrontare una delle trasferte più difficili del campionato, in casa della capolista Empoli che ha perso la prima gara della stagione – come gli amaranto – la scorsa giornata, a Venezia. La squadra si è allenata questa mattina e domani, dopo la rifinitura, partirà alla volta della Toscana.

Ma com’è la situazione in vista della sfida del Castellani? Le parole di Toscano alla vigilia e i convocati potrebbero chiarire meglio i dubbi. Di certo, però, alcuni sanno già di non poter essere della sfida, per vari motivi. Menez è ovviamente squalificato mentre Charpentier è ancora out, con la speranza di poterlo avere finalmente a disposizione dopo la sosta. Stesso discorso per Faty, i cui tempi saranno però purtroppo più lunghi. Punto interrogativo su Vasic, mentre si può dire definitivamente recuperato Plizzari, che tuttavia dovrà ritrovare la forma migliore dopo settimane fermo causa Covid.

Si può già iniziare ad ipotizzare, dunque, quale sarà la probabile formazione scelta da Toscano, con – soprattutto – un grande punto interrogativo: chi sostituirà Jeremy Menez? Le scelte passate (contro il Pordenone) e il buon momento di forma dimostrato in settimana potrebbero far pensare ad un nuovo utilizzo di Kyle Lafferty accanto a German Denis, in quello che sarebbe a tutti gli effetti un reparto di peso con Bellomo alle spalle. Tuttavia, tra calciatori recuperati e possibili variamenti tattici legati anche all’avversario, non sono escluse sorprese. Una di queste riguarderebbe Rigoberto Rivas, che con la sua imprevedibilità e velocità garantirebbe più movimento nel reparto offensivo viste le sue caratteristiche un po’ più simili e Menez. L’honduregno, tuttavia, non ha ancora i 90 minuti nelle gambe, dopo il lungo stop di cui è stato protagonista, e potrebbe dunque essere preservato e utilizzato a gara in corso. La seconda soluzione, un po’ più conservativa a livello tattico, è legata alla presenza di tre centrocampisti puri – anziché una mezz’ala un po’ più offensiva – in quello che può essere definito un 3-5-2 vero e proprio. L’opzione Folorunsho, una delle prime utilizzate a gara in corso da mister Toscano da inizio stagione, garantirebbe al reparto amaranto meno verve offensiva ma più fisicità e inserimenti. In questo caso, potrebbe essere Bellomo ad agire più avanti accanto a Denis, oppure lo stesso Lafferty.

Empoli-Reggina e quello “storico” 3-3, Amoruso a StrettoWeb: “Vi svelo che successe negli spogliatoi”. E poi si toglie qualche sassolino: “Nessuno ci regalò niente…”