fbpx

Elezioni, Davi “Falcomatà tranquillo perché Perna gli ha garantito ‘assoluzione’ al processo Miramare”

Elezioni, la dichiarazione del massmediologo Davi

Il sindaco Falcomatà è tranquillo mentre Reggio affonda nella spazzatura e gli indici di reputazione della città precipitano sotto zero,e la sua giunta annaspa ammorbata dal totale immobilismo . Perché è cosi sicuro nonostante la debacle?? Semplice, il vate delle cooperative sociali e delle monete virtuali , il vice sindaco Tonino Perna ha già fatto sapere che il primo cittadino verrà ‘assolto’ nel processo ‘Miramare’ in corso a Reggio Calabria. Davanti a taccuini e telecamere – qualche settimana fa – si è detto ‘certo’ di questa assoluzione . Ma non ha mai voluto spiegare perché ritiene che il collegio del Tribunale dovrebbe fare questa scelta, attenendosi, il solitamente ciarliero vice sindaco, alla migliore tradizione reggina della ‘riservatezza’ . Qualità criticata quando a declinarne e praticarne il discutibile stile sono i nemici politici, tollerata quando invece chi vi ricorre fa parte del circolo degli ‘happy fews’. Sono tutti molto tranquilli….. Ci viene il sospetto che l’ombra di Luca Palamara si stagli anche su questa oscura vicenda (eh si proprio lui !) . Matura il dubbio che la nostra presa di distanza (agli atti della Procura di Perugia impegnata nel processo che vede l’ex presidente ANM tra gli imputati ) dalla divertente messa in scena delle partitine di San Luca ( le definimmo una marketta politica nelle nostre telefonate con Palamara comprese nel fascicolo ) non abbia aiutato la nostra bellissima avventura politica a Reggio Calabria . Ma al di là dei brutti pensieri, sta di fatto che tutti ma proprio tutti ( molti dipendenti comunali, l’ineffabile commissione elettorale (una ‘garanzia’ ha sibilato Falcomatà il giorno della proclamazione, un presagio?) , numerosi presidenti di seggio, scrutatori, politici, funzionari dello Stato ecc ecc ) si sono correttamente e diligentemente impegnati per portare a casa il risultato . E questo impegno ha coinciso con la riconsegna delle chiavi della città all’ ancien regime ‘falcomatiano’, va da se passando attraverso il suggello degli elettori. Viva la democrazia! Viva lo Stato!”. Lo ha dichiarato Klaus Davi.