fbpx

Coronavirus, il primario che sfida i negazionisti organizzando un “tour” tra i reparti del suo ospedale: “Coraggio, chi si iscrive?” [FOTO]

“Ah, dimenticavo, io mi bardo con tuta, maschera e calzari, a voi non servono ma tengo libero un letto con ventilatore meccanico”: il messaggio del primario è diventato virale sui social

“Non ci credete? Bene, La TourinGrio organizza tour guidati in Rianimazione e nei reparti Covid”. E’ con questa frase ironica che Michele Grio, primario del reparto di Rianimazione di Rivoli (provincia di Torino), ha sfidato sui social gli utenti negazionisti che vogliono far credere che gli ospedali siano vuoti. In un lungo post su facebook, ha spiegato come lui e i suoi colleghi stanno affrontando la nuova ondata di contagi da Coronavirus che ha colpito anche il Piemonte. “No no, è tutto vuoto, ho fatto sdraiare i miei medici ed i miei infermieri giusto per fare le foto, le buste le indossiamo per la cellulite – scrive il medico – . Non dormiamo perché ormai siamo avanti con l’età e passiamo le giornate seduti mangiando e bevendo. Non ci credete? Bene, la TourinGrio organizza da domani tour guidati in Rianimazione e nei reparti Covid: sarà per me un piacere farvi personalmente da guida e condurvi in un piacevolissimo viaggio in quello che per noi è un girone dantesco, ma per voi giustamente è esagerato. Ah, dimenticavo, io mi bardo con tuta, maschera e calzari, a voi non servono ma tengo libero un letto con ventilatore meccanico e monitoraggio continuo multiparametrico molto invasivo. Nel gabinetto, perchè lo sgabuzzino l’ho già impegnato”. Il suo lungo messaggio termina poi un consiglio a chi nega la presenza del virus: “non chiedeteci suggerimenti se vi ammalate dopo aver scritto e pensate la qualunque. Coerenza, ci vuole coerenza”. Prevenzione è la parola d’ordine da usare in questi momenti, il messaggio del primario dovrebbe far riflettere.