fbpx

Messina, la metamorfosi del Sindaco De Luca: a marzo faceva il super sceriffo, adesso autorizza e patrocina gare di motocross in spiaggia [FOTO]

Il duro commento del Consigliere comunale Alessandro Russo ha acceso la questione

“Spiegatecelo, su dai, spiegatecelo perché invece di impedire gare di enduro in spiaggia e allegre rrustute sui colli dovremmo tenere chiuse le scuole o magari prolungare le chiusure di tutti quei negozi, attività economiche, palestre, cinema e teatri finora chiusi per far fare i vostri porci comodi… Spiegatecelo e diteci perché “le scuole vanno kiuseeee assassiniiiii!!1!”. E’ questo il commento ironico pubblicato sui social da Alessandro Russo. Il Consigliere comunale di Messina si riferisce alla concessione della gara di motocross Enduro tenutasi ieri sulla spiaggia di Santa Margherita, autorizzata dal Comune guidato da Cateno De Luca, con tanto di patrocinio di 4 suoi assessorati, nonostante l’emergenza Coronavirus. Un evento che cozza con gli enormi sacrifici che tutta la popolazione è chiamata a fare per evitare il più possibile che nascano possibili focolai di contagio.

De Luca, infatti, ha persino chiuso le scuole per dieci giorni tra fine ottobre e inizio novembre, oltre ogni limitazione imposta dal Governo centrale che ha inserito la Sicilia nella “zona arancione”, disponendo quindi la chiusura di altre numerose attività commerciali e ricreative. La decisione delle istituzioni quindi di concedere una gara di motocross, senza per altro evitare la presenza degli spettatori, è stata per questo molto criticata. A maggior ragione in virtù degli atteggiamenti di cui De Luca si è reso protagonista durante la prima ondata della pandemia, quando tra marzo e aprile con quel fare da “sceriffo” andava in giro per la città intimando ai propri concittadini di restare a casa in modo particolarmente minaccioso e virulento, ottenendo una grande visibilità mediatica in tutt’Italia e anche oltre. Apprezziamo la metamorfosi del Sindaco peloritano, che ha finalmente abbandonato i panni liberticiti del super sceriffo che alimentava panico e terrore tra i suoi concittadini, ma evidenziamo come l’incoerenza della classe politica regni sovrana e a pagarne le conseguenze sono ancora una volta i cittadini onesti già mentalmente ed economicamente martoriati da istituzioni che sono finite nella confusione più totale.