fbpx

L’Antitrust mette nel mirino 9 club di Serie A, l’U.Di.Con. svela: “ecco quali squadre hanno risposto male alla nostra segnalazione”

Foto Getty / Valerio Pennicino

Clausole vessatorie nella vendita dei biglietti, l’Antitrust mette nel mirino 9 club di Serie A: l’Unione Difesa Consumatori specifica di aver segnalato in tempi non sospetti tali problematiche alle squadre

E’ stato accertato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato la presenza di clausole vessatorie nell’acquisto dell’abbonamento annuale e del biglietto per la singola partita di nove società di calcio di Serie A – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nescinello specifico non venivano riconosciuti i diritti dei consumatori a richiedere i rimborsi dei biglietti o degli abbonamenti stessi. Tutte le società coinvolte, Atalanta, Cagliari, Genoa, Inter, Lazio, Milan, Juventus, Roma e Udinese, sono state contattate da noi con una richiesta di spiegazioni e di adeguamento dei loro processi d’acquisto al codice del consumo. Alcune società hanno risposto subito ed adeguato immediatamente ciò che avevano tralasciato a livello consumeristico – continua Nesci – altre hanno totalmente ignorato la nostra comunicazione. Nello specifico Inter, Udinese e Genoa ci hanno risposto con un’apertura di dialogo, la Juventus ci ha risposto in maniera formale, la Lazio ci comunica che non esistevano vizi all’interno dei loro processi d’acquisto, così come il Cagliari che rispondeva però in maniera abbastanza stizzita addirittura diffidandoci da ulteriori comunicazioni che possano ledere l’immagine della società. Oggi – conclude Nesci – quanto riscontrato dall’Antitrust non fa che confermare il lavoro fatto dalla nostra associazione, che a tutela degli utenti ha voluto subito effettuare un pressing alto per risolvere quello che è un vero e proprio abbaglio nelle condotte di queste società e che altro non fa che vessare da anni i consumatori”.