fbpx

Milan, 4 anni dopo torna il successo nel Derby! Ibrahimovic stende l’Inter: rossoneri primi in classifica

Foto Getty / Marco Luzzani

Il Milan batte 1-2 l’Inter grazie ad una stratosferica prestazione di Ibrahimovic che firma entrambe le reti: i rossoneri interrompono 4 anni di digiuno nella stracittadina e volano in testa alla classifica

Il 31 gennaio 2016 il Milan vinse l’ultimo derby di Milano in Serie A. Quest’oggi, a oltre 4 anni di distanza, i rossoneri tornano a trionfare nella stracittadina più famosa al mondo. Partita scoppiettante, nonostante la stanchezza per la pausa dedicata alle nazionali e le assenze per il Coronavirus. Primo tempo subito ricco di emozioni con le squadre che si schierano con due assetti piuttosto offensivi e giocano a viso aperto. L’Inter preme in avanti, specialmente sull’out di destra con Hakimi che ha la meglio nel duello a tutto gas contro Theo Hernandez, ma è il Milan a passare in vantaggio… due volte!

Foto Getty / Marco Luzzani

Entrambe le reti portano la firma di Zlatan Ibrahimovic. Il primo gol arriva su rigore, causato da un’ingenuità di Kolarov: Ibra si fa ipnotizzare da Handanovic, ma poi è bravo a ribadire in rete; il secondo gol è un tap-in su assist al bacio di Leao arrivato a coronare una splendida azione corale sviluppatasi da destra verso sinistra con Salemaekers e Calhanoglu. L’Inter incassa i due colpi, barcolla ma non va al tappeto. Il gol di Lukaku a metà primo tempo riapre la gara e i nerazzurri vanno in crescendo. La fisicità della mediana retta da Vidal e Barella si fa sentire, Lukaku davanti protegge palla e crea una palla gol dopo l’altra. Il Milan però regge, complice una ripresa a ritmi più bassi con squadre stanche e allungate. Tante occasioni, mal sfruttate, da entrambe le parti. Negato un rigore, per fuorigioco, a Lukaku, l’ultimo ad arrendersi anche al 95′, dopo aver provato un pazzesco gol di tacco in area piccola. Il triplice fischio dell’arbitro sancisce la fine dell’incontro: il Milan resta ancora imbattuto post lockdown, resta a punteggio pieno con 9 gol fatti e 1 subito e soprattutto torna in testa al campionato di Serie A in solitaria.