fbpx

Reggio Calabria, inizia l’udienza del processo Miramare. L’arrivo di Falcomatà e la contestazione dei cittadini presenti: “la legge è uguale per tutti!” [VIDEO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Reggio Calabria, in questi minuti sta per iniziare l’udienza del processo Miramare che potrebbe portare alla condanna del Sindaco Falcomatà. All’esterno dell’aula bunker presenti dei manifestanti

Sta per iniziare in questi minuti l’udienza del processo Miramare: tra gli imputati dell’inchiesta il Sindaco di Reggio CalabriaGiuseppe Falcomatà, il segretario generale del Comune, Giovanna Acquaviva, l’ex dirigente Maria Luisa Ada Spanò e gli Assessori della Giunta dell’epoca, Armando NeriGiovanni Muraca (sabato nominato Assessore nella Giunta del “secondo tempo“), Saverio AngheloneRosanna Maria NardiGiuseppe MarinoAgata Quattrone e Nino Zimbalatti, oltre a Paolo Zagarella, imprenditore vicino al Sindaco e Presidente dell’Associazione ONLUS “Il Sottoscala”. L’accusa della Procura per il primo cittadino è di abuso d’ufficio e falso per la delibera del 2015 con cui si affidava il Miramare in gestione proprio all’Associazione di Zagarella. In basso il link del VIDEO dell’arrivo all’aula buker del Sindaco Falcomatà e dell’ex Vicesindaco Armando Neri.

All’esterno del tribunale presenti alcuni manifestanti che hanno esposto i cartelli con la scritta: “La legge è uguale per tutti”. Presente anche Demetrio Abate, membro del Movimento Città Metropolitana, che ai microfoni di StrettoWeb ha dichiarato: “la nostra presenza è per evitare che tutti i reati vadano in prescrizione, salvando i reali colpevoli. Non ci sembra giusto che a pagare sia solo colei che ha denunciato il fatto (Angela Marcianò, ndr). Siamo dalla parte della magistratura e della Giustizia”.

Reggio Calabria, processo Miramare: il Sindaco entra dentro l’aula bunker [VIDEO]

Processo Miramare, Abate (Movimento Città Metropolitana): “no alla prescrizione” [VIDEO]