fbpx

A Reggio Calabria la giornata mondiale della vista

Anche la sezione territoriale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Reggio Calabria ha organizzato, presso la propria sede sociale, la giornata mondiale della vista, nel pomeriggio di giovedì 8 ottobre si sono svolte delle visite gratuite a cura del dottor Michele Fiorentino

L’8 ottobre è la giornata mondiale della vista che, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, rappresenta l’evento annuale dedicato alla salute degli occhi, dalla prevenzione in tutti i suoi aspetti, alle campagne informative organizzate dall’IAPB Italia Onlus in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. L’iniziativa di quest’anno, promossa da IAPB Italia Onlus, l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, vuole richiamare l’attenzione sulla centralità della vista nella salute della persona aiutandola ed informandola sull’importanza della prevenzione attraverso l’organizzazione di eventi distribuiti su tutto il territorio nazionale: campagne online informative e di sensibilizzazione, convegni e visite gratuite nel rispetto delle norme anti “COVID”.

Anche la sezione territoriale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Reggio Calabria ha organizzato, presso la propria sede sociale, la giornata mondiale della vista, nel pomeriggio di giovedì otto ottobre si sono svolte delle visite gratuite a cura del dottor Michele Fiorentino. Nonostante le limitazioni imposte dall’emergenza “COVID-19”, il Consiglio direttivo della sezione UICI reggina, presieduto da Francesca Marino, ha fortemente voluto che la giornata dell’otto ottobre non passasse inosservata, perché l’aumento delle patologie che portano alla perdita della vista assume una dimensione globale, pertanto la prevenzione deve essere promossa sempre. Si tratta di malattie che possono essere prevenute nella maggior parte dei casi e la cui incidenza è destinata ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione.

Come prendersi cura della nostra vista, ricordando che:

  1. per salvare la vista c’è bisogno di una diagnosi precoce. Per una diagnosi precoce c’è bisogno di una visita oculistica;
  2. la maggior parte delle malattie oculari si possono trattare se affrontate per tempo;
  3. al crescere dell’età cresce il rischio delle malattie che possono portare alla perdita della vista.