fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Reggio Calabria, orrore a Montebello: femminicidio nella frazione di Zuccarà, Carabinieri sul posto [LIVE]

Reggio Calabria, femminicidio a Montebello: le notizie in tempo reale

I Carabinieri sono intervenuti questa sera nella frazione Zuccarà di Montebello Jonico per un caso di femminicidio. Il centro jonico della Provincia di Reggio Calabria è particolarmente scosso dall’accaduto. La vittima è una donna di circa 60 anni. I Carabinieri hanno fermato il marito della donna. L’uomo, 69enne, è stato interrogato dal magistrato di turno della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Al termine dell’interrogatorio il 69enne è stato tratto in arresto.

Reggio Calabria, femminicidio a Montebello: la nota della presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità Cinzia Nava

“L’uccisione, ieri, a Montebello Jonico di una donna per mano del marito conferma ancora una volta come la violenza sulle donne resti una delle grandi emergenze sociali da fronteggiare e combattere sul fronte della repressione, e prima e soprattutto, sul versante culturale e dell’educazione all’affettività”.

È quanto afferma la presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità Cinzia Nava che aggiunge: “I problemi depressivi, di cui pare il marito soffrisse da tempo, non possono costituire motivo di giustificazione di un gesto spregevole, aggravato dall’efferatezza delle modalità con cui è stato consumato”.

“Dai più recenti dati, nella gran parte dei casi, chi fa violenza sulle donne ha le chiavi di casa. Un fenomeno rispetto al quale non esiste distinzione di latitudine. In 6 casi su 10 è stato il partner, questi i numeri dei femminicidi nel 2019” – commenta Nava. “L’odio prende il posto dell’amore. L’idea malata del possesso della persona si sostituisce ad un’affettività basata su rispetto e comprensione. Anche la mancata accettazione di una separazione e la gelosia incontrollabile rispetto ad una scelta di allontanamento ed autonomia del partner sono, spesse volte, elementi scatenanti la violenza e il desiderio di distruzione” – sottolinea la Presidente della CRPO.

“La vicenda di ieri suscita tanta tristezza e la ferma volontà di intervenire per mettere fine a questo dramma.  Serve un impegno collettivo per la promozione di una nuova e diversa cultura nelle relazioni affettive. Le donne devono essere sostenute ancor di più nei percorsi di allontanamento dalle situazioni di violenza affinché – conclude Cinzia Nava – non abbiano paura di denunciare”.