fbpx

Il prezzo di Bitcoin sta salendo, potrebbe essere un nuovo boom

Per la prima volta da un anno a questa parte, il prezzo di Bitcoin ha toccato i 12.000$ il 17 agosto, dopo un flash crash a 10.000$. Se dovesse continuare il trend rialzista, potrebbe essere un vero e proprio nuovo “boom” della criptovaluta.

Ipotesi sul futuro

Se la criptovaluta fosse in grado di salire nuovamente al di sopra della linea di resistenza di $11.800, è probabile che il prezzo acceleri in misura più sostanziosa e si imposti un trend di rialzo. Al contrario, se dovesse mancare il rialzo, il prezzo di Bitcoin potrebbe correggere al ribasso e stabilizzarsi attorno attorno agli $11.000 o $11.550. Queste stime dovrebbero mettere in guardia gli investitori più audaci, che stanno investendo grosse somme sulla moneta digitale.

Uno scenario più negativo (e meno probabile) vedrebbe i Bitcoin cadere in disuso, schiacciato dalla pressione dei governi e delle Banche Centrali, e dalla difficoltà nel trasformarlo in denaro “ufficiale”. Oppure, potrebbe venire sostituito da altre cryptocurrencies: sul mercato ci sono già Ethereum, Ripple, LiteCoin, Tether, e tante altre.

Come investire nei BTC

Il consiglio di Taylor Monahan, co-fondatrice di MyCrypto e MyEtherWallet, è quello di ignorare il “buzz” in corso: “scegli delle criptovalute valide a lungo termine che ti piacciono. Investici. Ricerca. Non seguire l’hype, vinci solo se hai dei profitti costanti”. Sulle cifre da investire, Monahan invita a rimanere sotto al 5% del proprio patrimonio netto e a non fare l’errore di molti, cioé cercare di recuperare le somme perse.

Il noto podcaster Anthony Pompliano è pronto ad affrontare il possibile boom di Bitcoin con dei consigli che pubblica ripetutamente su Twitter:

–       I Bitcoin sono imprevedibili

–       Potresti perdere tutti i tuoi soldi

–       Investi solo ciò che sei disposto a perdere

–       Twitter non è un consulente finanziario

–       Non indebitarti per comprare BTC

–       Concentrati sul lungo termine

–       Ricerca per conto tuo

Anche le piattaforme di trading online procedono caute e, per limitare i rischi, hanno da tempo introdotto il “copy trading”. Questo strumento permette di replicare automaticamente gli investimenti dei trader più esperti, che guadagneranno passivamente in base al numero di follower. Anche questo può quindi rappresentare una sicurezza in più per chi si affaccia per la prima volta al mondo degli investimenti.

Sempre più “in”, i BTC finiscono anche tra le proteste di Hong Kong

A Hong Kong, l’ultimo giornale indipendente rimasto è Apple Daily. In prima pagina c’è un’inserzione che legge: “Banks, today you’re not ditching me, I’m ditching you. Bitcoin will never ditch you” (letteralmente: “Banche, oggi non siete voi a mollare me, sono io che mollo voi. Bitcoin non ci lascerà mai”).

Le righe successive spiegano: “Bitcoin è denaro digitale. Non è emesso o controllato da alcun governo o corporazione. Nessuno può impedire di effettuare transazioni in rete e non può essere disattivato. Bitcoin è disponibile per chiunque, qualunque sia la nazionalità, il sesso o gli ideali, Bitcoin è nato con il Genesis Block durante la crisi finanziaria del 2009. Ora sta arrivando il suo momento”.

Ovviamente, l’editore del giornale Jimmy Lai è stato successivamente arrestato ma assicura che “l’Apple Daily continuerà sicuramente a combattere”. Dalla sua parte c’è anche Donald Trump, che l’ha definito “un uomo coraggioso”, e il segretario di Stato USA Mike Pompeo, secondo il quale l’arresto è “un’ulteriore prova del fatto che il Partito Comunista cinese ha sventrato le libertà di Hong Kong e i diritti del suo popolo”.

Nel frattempo, il Bitcoin è diventato un simbolo di protesta in Cina.