fbpx

Ponte sullo Stretto: “Costerebbe metà di quanto costa ogni anno reddito di cittadinanza e creerebbe immediatamente occupazione”

Ponte sullo Stretto. La deputata messinese Matilde Siracusano (FI): “Lo abbiamo chiesto al governo con una mozione alla Camera, ci aspettiamo un’apertura da parte della maggioranza. Basta con i pregiudizi ideologici”

I 209 miliardi che arriveranno nei prossimi anni con il Recovery Fund rappresentano un appuntamento unico, che non possiamo mancare. Però l’Europa ci dice di spendere questi soldi con intelligenza, per le riforme, per gli investimenti, per le infrastrutture“. Lo ha detto Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia, intervenendo a “Start”, su SkyTg24.

Su questo ultimo punto in particolare Forza Italia ha sottolineato l’importanza di inserire il Ponte sullo Stretto di Messina tra le grandi opere da finanziare con le risorse europee – prosegue Siracusano –. Lo abbiamo chiesto al governo con una mozione alla Camera, ci aspettiamo un’apertura da parte della maggioranza. Basta con i pregiudizi ideologici. Stiamo parlando di una infrastruttura strategica per il rilancio della Sicilia, della Calabria, del Mezzogiorno e del Paese intero. Il Ponte sullo Stretto ha già un progetto definitivo, è un’opera immediatamente cantierabile, costerebbe 4 miliardi (la metà di quanto costa ogni anno alle casse dello Stato il reddito di cittadinanza) e creerebbe immediatamente occupazione e sviluppo. In più sarebbe uno stimolo acceleratore per costruire anche strade, autostrade, alta velocità. C’è tutto, adesso manca solo la volontà politica“.