fbpx

Messina, manifestazione in memoria di Paolo Chillè: “Il giovane guerriero ci ha fatto capire come ci sia posto per l’arte del donare” [FOTO]

/

Messina. Ha avuto luogo la manifestazione in memoria di Paolo Chillè, il 28enne scomparso lo scorso 6 agosto dopo una durissima lotta contro un sarcoma fibromixoide

Ha avuto luogo la manifestazione in memoria di Paolo Chillè, il 28enne messinese deceduto il 6 settembre scorso a causa di una grave forma di sarcoma fibromixoide.

L’iniziativa è stata fortemente voluta dal terzo Quartiere, promotore di svariate manifestazioni di raccolta fondi per il giovane, e da Silvana Paratore, la legale che ha sostenuto la famiglia Chillè anche per quanto riguarda le interlocuzioni con il Ministero degli Esteri, le Ambasciate ed i consolati per il disbrigo e la risoluzione delle non poche difficoltà di tipo burocratico incontrate nei viaggi in America che Paolo ha dovuto affrontare insieme alla sua famiglia per sottoporsi a cure specialistiche.

Paolo – ha esordito Paratore – ha avuto un ruolo umano e sociale altamente coesivo all’interno della nostra comunità cittadina. Resta, indelebile, il suo ricordo in tutti quelli che gli hanno voluto bene, che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. È difficile commentare la storia di Paolo l’epilogo della battaglia contro la malattia di fronte al quale tutto perde di senso. Una sconfitta collettiva che ci fa sentire tutti più piccoli e ci riporta alle cose che contano realmente che sono ben lontane dalle troppe chiacchiere che spesso caratterizzano la vita di oggi. Questa tragedia parla alle nostre coscienze e costituisce un importante invito a non abbatterci di fronte alle difficoltà, a continuare a lottare, ad amare la scienza e a sperare che altri passi avanti possano essere compiuti nel cammino della ricerca”.

A ricordare la figura di Paolo il Presidente del 3° quartiere Lino Cucè che ha rivolto ai genitori un plauso per tutti gli sforzi e sacrifici fatti sino all’ultimo testimoniati dall’immensa forza e tenacia.

Significativo il messaggio di Fiorella Forte del gruppo oncologico “Nulla è come prima” che ha affermato come nessuno debba essere lasciato solo nella malattia, nei percorsi che si affrontano durante la stessa caratterizzati da disagi, imbarazzo, talora ritrosia ad ascoltare, preoccupazioni, incomprensione di termini scientifici. “Esserci sempre deve diventare un imperativo” ha concluso Forte.

Il giovane guerriero – ha affermato Giuseppe Giallombardo, presidente della Guardia Costiera Volontaria di Messina – ci ha fatto capire come ci sia posto per l’arte del donare”.

Denso di emozioni il momento in cui un alberello di limoni è stato piantato nel giardino della sede della terza Circoscrizione per onorare la memoria di Paolo alla presenza dei Genitori visibilmente commossi per questo omaggio semplice e di lunga durata .
A benedirlo Padre Enzo della Parrocchia di Santa Maria della Consolazione in Villaggio Santo. Il 3° quartiere si è fatto carico di curare questo albero in memoria di Paolo Chillè affinché cresca e metta le sue radici profonde.

L’albero come archetipo costantemente presente nelle tradizioni culturali e spirituali, nei miti e nell’antropologia di tutto il mondo come tramite tra due regni, quello del cielo e della terra e quello dei vivi e dei morti. Proposta a conclusione evento l’idea di costituire una realtà associativa per la promozione di attività ed iniziative a sostegno di coloro che sono affetti da forme tumorali rare al fine di aiutarli nell’affrontare le necessità straordinarie come i ricoveri molto spesso lontani dai luoghi di residenza. Presenti alla giornata in memoria di Paolo, i consiglieri della terza circoscrizione Signorino, Sciutteri, Carbone, Fria, Soffli.