fbpx

Juventus-Napoli, la sentenza del Giudice Sportivo: 3-0 a tavolino e penalizzazione per i partenopei

De Laurentiis Photo by Marco Rosi/Getty Images

Il Giudice Sportivo si è espresso in merito alla partita Juventus-Napoli, rinviata lo scorso 4 ottobre: deciso il 3-0 a tavolino in favore dei bianconeri e un punto di penalizzazione per i partenopei

Il giorno tanto atteso è finalmente arrivato. Quest’oggi, mercoledì 14 ottobre, il Giudice Sportivo si è espresso in merito all’esito di Juventus-Napoli, partita che lo scorso 4 ottobre non è mai andata in scena. Il motivo è ormai ben noto: la Juventus si è presentata in campo, il Napoli non è mai partito in quanto, dopo alcuni casi di Coronavirus riscontrati nelle ore precedenti alla gara, è stato bloccato dalla Asl territoriale. L’argomento è piuttosto delicato, al punto da richiedere un supplemento di indagine che ha fatto slittare la decisione di una settimana: la Juventus ha mantenuto la sua linea ferrea, ovvero quella del rispetto del protocollo e della relativa richiesta di 3-0 a tavolino; il Napoli chiede di rigiocare la partita, affermando di aver seguito la normativa che sottolinea come un ente territoriale, come l’Asl, possa fermare una squadra di calcio se ritiene che ci sia un rischio per la salute pubblica. Il Giudice Sportivo, svolte tutte le indagini del caso, ha comunicato la sua decisione: disposto il 3-0 a tavolino in favore dei bianconeri e un punto di penalizzazione inflitto al Napoli. I club di Aurelio De Laurentiis ha già annunciato di voler fare ricorso.

Gli atti delle Aziende sanitarie delineano un quadro che non appare al Giudice affatto incompatibile con l’applicazione delle norme specifiche dell’apposito Protocollo sanitario FIGC e quindi con la possibilità di disputare l’incontro di calcio programmato a Torino“, si legge nel lungo comunicato diffuso dal Giudice Sportivo.

Coronavirus, il post delirante della sorella di Cristiano Ronaldo: “la pandemia è una farsa, CR7 inviato da Dio” [FOTO]

La Juve e gli scudetti revocati, il club non molla: “Faremo di tutto per ottenere la riassegnazione”