fbpx

Juve, disfatta interna in Champions: il Barça passa 0-2 a Torino. Morata maledice il fuorigioco, ma si salvano in pochi [HIGHLIGHTS]

Juventus-Barcellona VALERIO_PENNICINO/Getty Images

Sconfitta interna all’Allianz Stadium per la Juventus, che perde 0-2 contro il Barcellona di Messi in Champions League

Una serata da dimenticare. La Juve perde in casa, il Barça passa 0-2 a Torino nella seconda giornata della fase a gironi di Champions League. Una gara strana, particolare, ricca di occasioni ed emozioni per via di un atteggiamento iperoffensivo di entrambe, di tanti errori in disimpegno e di difese un po’ ballerine.

Alla fine, però, è solo una… questione di centimetri. Come quelli che consentono a Dembelé di trovare una beffarda e fortunosa deviazione, che batte Szczesny per lo 0-1. Come quelli che starà maledicendo da settimane Morata, insieme alle bandierine, gli assistenti e i fuorigioco. Oggi supera ogni record: ben tre fischiati, tutti per un unghia del piede o un capello leggerissimamente avanti. Era stato uno a Crotone, uno col Verona, oggi tre. Sempre lui, a stazionare su quella linea sottile tra i due difensori che finora lo ha quasi sempre condannato. Ma è lui, quasi, sempre e solo lui, a cantare e portare la croce in una Juventus che sembra sfaldata, confusa, inesperta. Non per niente, tra i pochi a brillare sono (tranne Dybala) coloro che di partite del genere ne hanno giocate un bel po’: dallo spagnolo appunto passando per Cuadrado e Bonucci. Per il resto, poca roba. Come dimostra Demiral, che all’84’ decide di imbattersi in una scellerata azione personale salvo poi perdere il pallone, entrare in ritardo sull’avversario e farsi espellere. E addio sogni di gloria, con Messi che raddoppia nel finale su rigore.