fbpx
MALTEMPO,
ALLERTA METEO IN CALABRIA E SICILIA:
LA DIRETTA SU www.meteoweb.eu

Giansanti (Confagricoltura), ‘Ruolo centrale delle imprese agricole in ‘Farming for future’ per obiettivi green”

Roma, 29 ott. (Adnkronos) – “I primi soggetti economici ad avere interesse per un ambiente sano e fertile sono gli agricoltori. Preservare le risorse e garantire la sostenibilità ambientale e questo è un nuovo e importante progetto nato nelle campagne, dagli agricoltori per gli agricoltori, che sottolinea il ruolo che essi hanno avuto nel raggiungimento degli obiettivi 2020 e quello che avranno ancora nel processo di avvicinamento a quelli posti dall’Agenda 2030”. E’ quanto ha detto il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti intervenendo in streaming alla proposta del Consorzio Italiano Biogas (Cib) ‘Farming for Future”, per la conversione agroecologica dell’agricoltura italiana.
“La nuova rivoluzione – ha proseguito -è quella tecnologica e come Confagricoltura lo facciamo spingendo sulle energie rinnovabili e sulle innovazioni per avere imprese resilienti e un miglior utilizzo delle fonti fossili. Guardiamo con estremo interesse al progetto biometano”.
“Il nostro settore – ha continuato Giansanti – è consapevole del ruolo centrale che assume l’impresa agricola sana, vitale e produttiva, nella mitigazione del cambiamento climatico attraverso le proprie produzioni, le proprie superfici e i propri residui, ed è altrettanto consapevole del costo dell’adattamento al cambiamento climatico, che renderà sempre meno disponibili risorse naturali fondamentali quali l’acqua e il suolo, in uno scenario di incremento della temperatura che comporterà una maggiore aridità dei terreni, cambi colturali importanti a livello territoriale, attacchi di patogeni sempre più diffusi, fenomeni meteorologici sempre più estremi”.
“Le risposte da parte di un’agricoltura e silvicoltura competitive, allora, – ha rimarcato Giansanti – non potranno che prevedere soluzioni innovative e smart. Questo significa certamente agricoltura di precisione, ma anche intensificazione sostenibile delle produzioni, biotecnologie, produzione di energia rinnovabile (biogas, biomasse, fotovoltaico), fertilizzanti organici prodotti in ambito agricolo (digestato)”.