fbpx

Coronavirus, positivo studente del liceo “Rechichi” di Polistena: intera classe e docenti in quarantena

Coonavirus: il Dirigente Scolastico, Francesca Maria Morabito, ha immediatamente attivato il protocollo Covid e la classe interessata e i docenti del corso sono già stati posti in quarantena

Uno studente del Liceo Richichi di Polistena, indirizzo Linguistico, è risultato positivo al Covid- 19. Il Dirigente Scolastico, Francesca Maria Morabito, ha immediatamente “attivato il protocollo Covid e la classe interessata e i docenti del corso sono già stati posti in quarantena. Sono state effettuate le operazioni di sanificazione per garantire la regolare fruizione degli ambienti scolastici”. Il Dirigente Scolastico rassicura “le famiglie e gli studenti ribadendo l’importanza di indossare la mascherina, di rispettare il distanziamento e le norme igieniche previste anche dal regolamento di istituto”.

Coronavirus, positivo studente del liceo “Rechichi” di Polistena: in quarantena dieci professori e 18 studenti

Uno studente del Liceo, indirizzo Linguistico, ospitato nella sede di Via Vescovo Morabito, è risultato positivo al Covid- 19. La comunicazione, giunta nella giornata di ieri, ha permesso di attivare il protocollo previsto dalla normativa e di porre in quarantena la classe e i docenti. Si tratta, in tutto di dieci professori e 18 studenti. Già nelle prime ore di oggi si è provveduto alla sanificazione dei locali per la messa in sicurezza dell’istituto. Il Dirigente Scolastico, Francesca Maria Morabito, secondo quanto stabilito dal protocollo emergenziale ha trasmesso i dati dei soggetti in quarantena all’autorità sanitaria competente che provvederà agli interventi del caso. Della questione sono stati interessati l’amministrazione comunale di residenza dell’allievo e il Sindaco del Comune di Polistena. Il Dirigente Scolastico rammenta “alla comunità scolastica l’importanza dell’uso della mascherina e del rispetto delle norme igienico sanitarie secondo il regolamento d’Istituto e invita alla prudenza anche nelle attività private al di fuori dell’orario scolastico”.