fbpx

Coronavirus in Calabria, Cuzzupi (Ugl): “necessario un Piano di Sostegno per le attività economiche produttive”

La dichiarazione del Segretario Generale UGL Calabria, Ornella Cuzzupi, in merito alla grave emergenza Covid-19 che ha colpito la Regione

“La Calabria non può assolutamente assistere passivamente alla crescita dei contagi da Covid-19 e ai conseguenti sviluppi che si stanno paventando senza adeguati, immediati e urgenti interventi sulle proprie, già in difficoltà, strutture sanitarie e attività produttive”. Questo l’inizio di una dichiarazione del Segretario dell’Unione Generale del Lavoro della Calabria, Ornella Cuzzupi che, estremamente preoccupata per come si stanno evolvendo le cose, continua: “È il momento della concretezza, ci sarà il tempo per definire le lacune e le responsabilità di tutto ciò che avrebbe dovuto essere, ma ora non possiamo permetterci in alcun modo di perdere giorni, se non ore, preziose. La Calabria ha subito necessità di interventi immediati da attuare con procedura d’urgenza”.

Su questo Ornella Cuzzupi non si trincera dietro le parole, ma scende nei particolari indicando le priorità: “In primo luogo occorre dotare la Sanità di uomini e mezzi idonei a fronteggiare lo tsunami che si sta paventando, prevedere un solido coordinamento tra il vertice della sanità regionale e la rete di medici di base per adottare univocità di comportamenti e azioni mirate. Un coordinamento quest’ultimo che deve anche prevedere una sinergia con le strutture e gli operatori del settore privato. Occorre con estrema urgenza predisporre – continua il Segretario Generale UGL Calabria – un Piano di Sostegno alle attività economiche produttive, indicando al Governo Centrale, in preda anch’esso ad una violenta confusione, le metodologie da voler perseguire per sorreggere il tessuto produttivo calabrese. Su tutto ciò la mia Organizzazione è disponibile, da subito a fornire il proprio fattivo contributo, per la nostra gente e per la terra calabrese, ma ripeto: è il momento dei fatti non delle chiacchiere!”.