fbpx

Coronavirus, Boccia: “Calabria e Sicilia restano indietro e non hanno scaricato l’app Immuni”

Coronavirus, le parole del Ministro Francesco Boccia su mascherina e app Immuni

Nonostante l’impennata dei contagi “non dobbiamo spaventarci“. Lo dice il Ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia in un’intervista a “Il Corriere della Sera”. “I numeri dell’Italia sono ancora quelli di un Paese sicuro, che non deve abbassare la guardia. Dobbiamo essere molto piu’ rigorosi“, aggiunge. “Siamo stati un modello in questi primi sei mesi e dobbiamo esserlo nei prossimi sei” spiega. La mascherina obbligatoria e l’app Immuni “sono due forme di protezione e di rispetto degli altri“. Quasi 7 milioni di persone hanno scaricato l’app: “Cresce la consapevolezza che e’ bene essere tracciati perche’ si e’ piu’ sicuri. Ci sono regioni che viaggiano col 15% di utenti, Abruzzo, Sardegna, Toscana ed Emilia e ce ne sono altre, come Calabria e Sicilia, che restano indietro. Bisogna crescere molto di piu’“. Per quanto riguarda le terapie intensive “ora siamo molto piu’ forti e anche la prevenzione territoriale e’ stata rafforzata. I numeri sono abbondantemente sotto controllo. Abbiamo 337 persone in terapia intensiva e 6.700 posti disponibili, che in caso di necessita’ possono estendersi fino a diecimila, perche’ i ventilatori ci sono“. Nel Dpcm “non abbiamo affrontato il tema degli orari dei locali. Il nodo e’ rispettare le distanze“. Boccia rivendica “il modello del regionalismo italiano, la collaborazione tra i diversi livelli istituzionali“. La proroga dello stato di emergenza, “era necessario farla e non c’e’ nessun presidente di Regione che non condivida il rafforzamento delle misure e l’estensione dello stato di emergenza fino al 31 gennaio“, prosegue. Ai governatori “non sono stati tolti poteri, e’ stato ripristinato un modello di successo. In una fase critica c’e’ piu’ sicurezza se i territori possono adottare solo ordinanze restrittive e allentare le misure solo d’intesa col ministero della Salute“, osserva il ministro. Tuttavia, incalza, le Regioni sanno “che l’approccio del governo e’ servire i territori, non esercitare il potere“. Con tutti gli sforzi fatti, “io spero si possa andare avanti convivendo con il Covid. Persino nei Paesi piu’ in difficolta’ come Francia e Spagna stanno facendo lockdown drammatici e costosi, ma limitati”, conclude.

L’Anci Sicilia invita i sindaci siciliani ad incoraggiare i propri concittadini a scaricare l’app Immuni

L’Anci Sicilia aderisce alla campagna della presidenza del Consiglio dei Ministri e invita i sindaci siciliani ad incoraggiare i propri cittadini a scaricare l’app Immuni  sul proprio cellulare per  assicurare il  tracciamento dei casi di covid-19 e dei loro contatti  e per ridurre la diffusione dell’infezione.

“Scaricare l’applicazione Immuni è  un obbligo morale per tutti noi – ha sottolineato Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia – come Anci Sicilia stiamo inserendo il banner in evidenza del nostro sito internet e abbiamo chiesto ai comuni siciliani di fare altrettanto,  soprattutto in considerazione del fatto che la nostra regione risulta essere fanalino di coda con il 7,8% dei download complessivi”.

“Scaricare L’APP Immuni, creata per aiutare a combattere l’epidemia della Covid-19 – conclude il presidente Orlando –  è un gesto di responsabilità nei confronti di noi stessi e degli altri, al quale non possiamo e non dobbiamo sottrarci”.