fbpx

Coronavirus, Azzolina: “fondamentale didattica in presenza”

Coronavirus, Azzolina alle Regioni sulla presenza a scuola

La scuola in presenza “e’ fondamentale per tutti, dai piu’ piccoli all’ultimo anno del secondo grado“. Questa, a quanto si apprende, la posizione ribadita dal ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, nel corso dell’incontro di stamani con le Regioni per individuare ulteriori misure per il contenimento dell’epidemia da coronavirus da inserire poi nel nuovo Dpcm atteso tra oggi e domani. Il ministro ha ricordato che per le secondarie di secondo grado (superiori) una parte di didattica digitale “e’ gia’ presente“. Sulla differenziazione degli orari le Regioni chiedono al governo di organizzare eventuali adattamenti per le scuole di secondo grado. Passa dunque la linea del Ministero dell’Istruzione: nessuna misura generalizzata, ma interventi mirati, territorio per territorio, e d’intesa con dirigenti scolastici e famiglie. Azzolina ha poi chiesto che per risolvere le criticita’ dei trasporti sostenendo che non si guardi solo a scuola e universita’. La scuola ha “gia’ contribuito a decongestionare i trasporti. Ora si agisca anche su altri settori“.