fbpx

Willy ucciso a calci e pugni, il vescovo: “Tutti corresponsabili”

Roma, 7 set.(Adnkronos) – “Siamo tutti corresponsabili”, “seduti su una polveriera che può esplodere” da un momento all’altro. E’ la denuncia del vescovo di Velletri, mons. Vincenzo Apicella, dopo  la. “L’ennesimo atto di feroce e assurda violenza, cui non possiamo rassegnarci – dice il presule -ucciso a calci e pugni da quattro coetanei, nostri condiocesani, durante una rissa di cui non conosciamo i motivi e a cui era molto probabilmente estraneo”.
“Tutti siamo corresponsabili – denuncia il vescovo – Da dove provengono i virus della prepotenza, della violenza, della vigliaccheria, del disprezzo della vita, della stupidità che generano queste tragedie e gettano nella disperazione intere famiglie e comunità? Siamo quotidianamente seduti su una polveriera, che può esplodere improvvisamente e di cui non abbiamo consapevolezza”.
Apicella si rivolge alle famiglie, alla Chiesa, alla  scuola, alle istituzioni “perché siano partecipi “di quella fondamentale e indispensabile opera di civiltà che si chiama educazione e che va rivolta a tutti, anche agli adulti”. E chiede ai parroci di diffondere il messaggio nella prossima messa domenicale.