fbpx

Alta tensione in casa Salernitana, blitz dei tifosi all’Arechi. E’ caos per la prima avversaria della Reggina

reggina-salernitana gemellaggio tifosi Gettyimages / Maurizio Lagana

Situazione veramente delicata in casa Salernitana. L’esordio della Reggina in campionato sarà proprio contro la squadra di Castori

Ottima prestazione della Reggina nella partita amichevole contro il Benevento, un’avversaria di categoria superiore. La squadra di Mimmo Toscano ha dimostrato di poter lottare per le zone alte della classifica anche in Serie B, in attesa di altri 4-5 innesti che dovrebbero arrivare entro il gong del calciomercato. Il pensiero è rivolto anche alla prima partita di campionato, l’esordio sarà in trasferta contro la Salernitana. Non arriverà in una buona condizione la squadra di Castori, si sta verificando una situazione paradossale.

I tifosi sono in protesta contro il presidente Lotito, non sono andati giù i risultati delle ultime stagioni ma soprattutto la gestione del club che secondo i supporter viene messo in secondo piano rispetto alla Lazio. Nella giornata di ieri i tifosi hanno interrotto l’allenamento lanciando in campo dei palloni e rivolgendo dei cori contro la società, esposto anche uno striscione.

Finita? Macché. E’ saltato anche l’arrivo del calciatore Luca Ranieri che avrebbe cambiato idea dopo aver ricevuto dei messaggi da parte dei tifosi, sarebbero emersi dei dubbi sulle ambizioni del club.

“Ringraziamo la Salernitana (il Presidente Lotito e Mezzaroma) e in particolare modo il direttore Fabiani che sia professionalmente che umanamente è stato encomiabile. C’era l’accordo su tutto avevamo finanche firmato il modulo di trasferimento dalla Fiorentina e sottoscritto il contratto con il club salernitano. Come buona prassi ovviamente si aspettavano le visite mediche per il deposito dei documenti. In effetti Ranieri è sceso a Salerno ma quando la notizia di un suo trasferimento in terra campana è iniziata a circolare sui social sono arrivati dei messaggi sul telefono del ragazzo che lo sconsigliavano ad accettare il trasferimento. Ne abbiamo tempestivamente relazionato al direttore Fabiani. Tutto ciò non credo renda onore alla città di Salerno e in particolare ad una tifoseria fantastica come quella di Salerno. Ovviamente tutto questo non ha contribuito a una accettazione basata su uno spirito positivo da parte del giocatore il quale ha ritenuto opportuno tornare sui suoi passi”, si legge nel comunicato pubblicato dall’agente.

Reggina, le prime sensazioni: le certezze di Toscano e l’identità mantenuta