fbpx

Sanità, lettera della Fimmg alle massime autorità sanitarie nazionali e regionali: “inadempienze contrattuali dell’ASP Reggio Calabria”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Sanità, lettera della Fimmg alle massime autorità sanitarie nazionali e regionali: “inadempienze contrattuali dell’ASP Reggio Calabria e comportamento antisindacale Commissari Straordinari”

Di seguito la lettera integrale della FIMMG al Ministro Speranza, al presidente Santelli, al Commissario Cotticelli, al segretaruo Generale Nazionale Fimmg, dott. Silvestro Scotti:

“In qualità di Segretario Generale Provinciale della FIMMG di Reggio Calabria porto a conoscenza delle Signorie Vostre il comportamento scorretto e non più sopportabile che la terna commissariale fin dal suo insediamento ha tenuto nei confronti della medicina generale come se il territorio non fosse di sua competenza. Veniamo ai fatti. Fondo Di Ponderazione: l’ing. Massimo Scura Commissario dell’ASP di Reggio Calabria oltre che Commissario rientro Sanità Calabria, delibera il pagamento dei fondi di Ponderazione. Delibera pubblicata ed esecutiva ma mai applicata. Riusciamo ad avere un colloquio con la triade assieme al responsabile del servizio GRU e il dott. Giordano, componente della triade commissariale, telefona all’ufficio ragioneria per sollecitare il pagamento. A distanza di sedici mesi ancora aspettiamo i pagamenti tanto che abbiamo intrapreso azioni legali civili e penali. Adeguamento annuale stipendiale sui fondi di ponderazione da fare a Gennaio, siamo a fine Settembre e ancora non è stato fatto. Motivazione: dicono che nessuno è in grado di fare i conteggi essendo stato rimosso il dipendente addetto. Nel mese di aprile 2020 in comitato consultivo aziendale vengono concordate tra sindacati e parte pubblica le linee guida per l’applicazione dell’AIR. Delibera fatta dagli uffici nel mese di giugno con data di entrata in vigore fissata per il 15 luglio. Ancora la delibera deve essere pubblicata. Chiesto al Direttore Sanitario Aziendale lumi in merito risponde che non riesce a trovarla ma (sic) la farà cercare e la farà pubblicare al più presto. Il 7 Luglio 2020 chiediamo ai Commissari per pec un incontro ad oggi mai avuto. Ravvisando un chiaro comportamento antisindacale, abbiamo dato incarico al nostro legale di attuare quanto previsto per legge. Sembra di rivedere Gian Maria Volontè nel film “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto” il 19 giugno la Regione Calabria, dipartimento tutela della salute invia nota avente per oggetto “art 39 D.L. 8 aprile 2020 n.23 Criteri di erogazione delle risorse relative ad arretrati e incrementi” dove invita le Asp a retribuire gli arretrati previsti per l’anno 2018 con la mensilità di luglio. L’unica ASP ancora inadempiente è quella di Reggio Calabria. Nonostante tutto noi continuiamo a svolgere con dedizione il nostro lavoro al servizio della comunità specialmente in questo periodo di emergenza sanitaria. Abbiamo fatto i test sierologici, siamo pronti per la vaccinazione antinfluenzale nonostante vengano calpestati i nostri diritti. Qualcuno dimentica che il rispetto della legalità è un principio vincolante che non prevede esenzioni né per i deboli né per i forti. Fino a quando si potrà continuare così? In questo periodo emergenziale non possiamo neanche ipotizzare di incrociare le braccia per questo ci rivolgiamo a chi può risolvere queste “anomalie”. In attesa di un sollecito riscontro anche telefonico (tel. 338 8706137) si porgono distinti saluti”.

Segretario Generale Provinciale

Dott. Bruno Cristiano