fbpx

La Rete No Ponte di Messina: “All’Italia solo le briciole dei fondi europei” e danno appuntamento in piazza per il 26 settembre

No Ponte

Messina. Rete No Ponte: “Da documenti trapelati evidente come Governo sia intenzionato a destinare al Sud una misera parte dell’immensa liquidità che arriverà dall’Europa”

Dopo la diffusione di un primo documento trapelato riportante l’elenco delle opere da inserire nel Recovery Plan, dichiarato poi superato dal Governo, è stato reso pubblico un altro documento. Quello che contiene le linee guida del Governo per il Next Generation Italy. A guardarlo, quello che salta subito all’occhio è come il Governo sia intenzionato a destinare al Sud e alle Isole solo una misera parte dell’immensa liquidità che arriverà dall’Europa”. Così gli esponenti della Rete No Ponte sulle indiscrezioni emerse finora in merito al contenuto dei piani di finanziamento che l’Italia dovrà presentare all’Unione Europea al fin di accedere alle somme previste dal Recovery Fund.

Come ci aspettavamo, tutta la messa in scena di queste settimane con al centro il dibattito tra ponte e tunnel ha portato, fino ad ora, solo a questo: un bel niente. Certo, la partita è ancora aperta e andrà giocata, da noi come dai Si Ponte, con tutti i mezzi necessari.

Dalle linee guida del Governo emerge chiaramente come non si vogliano spendere soldi per le opere che al Sud e nelle Isole sono veramente necessarie. Niente soldi per la sanità, niente soldi per l’edilizia scolastica, niente soldi per le infrastrutture di prossimità, a parte quattro spicci per il tratto ferroviario Catania-Messina-Palermo. Ma soprattutto, niente soldi per la messa in sicurezza del territorio.

Per queste ragioni non possiamo fare altro che ribadire l’urgenza di tornare in piazza per rivendicare con forza quello che ci spetta di diritto. Il 26 settembre alle 17 ci vediamo in Piazza Unione Europea, per pretendere che dal Recovery fund arrivino i 70 miliardi che spettano di diritto ai territori meridionali e che questi vengano spesi per interventi realmente necessari”.

Locandina no ponte 26 settembre