fbpx

Reggio Calabria, fedeli smarriti per la Festa senza la Festa. Mestizia e rimpianto tradotti in versi dialettali nella poesia della maestra Pina Ripepi

Reggio Calabria, il ricordo della maestra Pina Ripepi di festa di Madonna

Una maestra di Reggio Calabria in pensione, Pina Ripepi, devota della Madonna della Consolazione, ha tradotto in versi dialettali in una poesia la propria mestizia ed il rimpianto per i festeggiamenti che ogni anno i reggini erano abituati a tributare alla patrona della città. Un sentimento che accomuna tutti in questi giorni di preghiera e raccoglimento a distanza e fa guardare indietro, a quando dopo il terremoto del 1908 i reggini non poterono onorare degnamente Maria, la Lei “‘nci resi forza e ‘nci resi curaggiu e Riggiu n’autra vota risurgiu“.

‘A festa ra Maronna

‘Nc’esti nu celu scuru

e senza stiddhi

chi ti menti tristizza

quandu ‘u vardi,

puru iddhu pari tristi

comu a tia

chì non si faci festa pì Maria.

Chist’annu non la pottimu spittari

pì strati, m’a baciamu e m’a ‘ntorniamu,

mi tributamu l’onori dovuti

a la Vergini chi cunsola e chi ‘ndi iuta,

chi ‘ndi proteggi d’ogni sbintura

e chi è ri lu celu gran Regina.

Lu morbu ch’è ‘nto mundu ‘ndi ‘mpedisci

mi stamu vicini e mi ‘ndi ‘mbrazzamu,

mi ‘ndi parramu cusì, liberamenti,

e, specialmenti, mi ‘ndi ‘mbicinamu.

Sapi, Maria, c’u nostru cori è mestu,

ch‘a vulissumu i vicinu ammirari,

mi ‘nci ricimu ‘i nostri preghieri

mi ‘ndi poti prestu libirari.

‘A stessa cosa fu cent’anni arreri, *

quandu Riggiu ciangiva li so’ morti,

tutti li casiceddhi sdirrupati

e interi famigghi decimati.

Poviru populu,

svilutu e martoriatu,

non potti fari festa pì Maria,

e Iddha non passau pì li strati

mi ‘ncuntra ‘a genti comu ogni annu faciva.

Ma Iddha era n’to cori ra so’ genti,

‘nte so’ pinseri e ‘nte so’ spiranzi,

‘nci rava forza pì mi si ripigghia

e mi poti novamenti iri avanti.

‘Nci resi forza e ‘nci resi curaggiu

e Riggiu n’autra vota risurgiu.

Ora, chistu spiramu puru nui,

chi ‘ndi poti iutari comu a tandu,

comu iutau tutti i nostri nonni,

mi ‘ndi poti libirari ‘i ‘stu malannu.

* Si fa riferimento al terremoto del 1908 che rase al suolo le città di Reggio e Messina.

Giuseppa Ripepi