fbpx

Reggio Calabria: Carmelo Caminiti muore dopo 60 giorni di sciopero della fame nel carcere di Messina

Reggio Calabria: il detenuto Carmelo Caminiti è morto dopo 2 mesi di sciopero della fame nel carcere di Messina

Dopo 60 giorni di sciopero della fame, il detenuto Carmelo Caminiti è morto. Una vicenda riportata sulle pagine de “Il Dubbio” grazie alla denuncia portata avanti dall’associazione Yairaiha Onlus. La gip ha concesso i domiciliari ospedalieri il giorno stesso in cui è uscito l’articolo, ma ormai era troppo tardi. A darne notizia del decesso è la sorella. “Sequestrando la salma – racconta drammaticamente Sandra Berardi, presidente dell’associazione – e volendo fare l’autopsia credo che sia scontato il fatto che vogliano verificare quello che non hanno fatto prima: hanno lasciato un uomo alla deriva, accompagnandolo alla morte come un agnello al macello”. Poi aggiunge: “Nel 2020 non si lascia un uomo a digiuno per 60 giorni incuranti che tali decisioni erano dettati da uno stato di depressione”.

Carmelo Caminiti è stato un detenuto in attesa di giudizio presso la casa circondariale di Messina. Come ha segnalato l’associazione Yairaiha, viene arrestato dalla procura di Firenze a novembre 2017. A maggio del 2018 gli vengono concessi gli arresti domiciliari per varie patologie (tra cui diabete, stenosi, canali atrofizzati e altre) per le quali gli è già stata riconosciuta l’invalidità civile; a novembre del 2018 viene arrestato nuovamente dalla procura di Reggio Calabria. L’ 11 marzo 2019 gli arriva un mandato di cattura dalla procura di Brescia con le stesse accuse di Firenze. Viene infine trasferito al carcere di Messina al centro clinico. Durante l’emergenza Covid 19 gli avvocati presentano istanza in quanto soggetto a rischio. I tribunali di Firenze e Reggio Calabria, vedendo la relazione medica del dirigente sanitario del carcere di Messina riconoscono l’incompatibilità carceraria, ma il gip di Brescia – pur riconoscendo le sue gravi patologie – rigetta l’istanza, non concede gli arresti essendo un “soggetto pericoloso” ai sensi dell’articolo 7, ovvero l’aggravante del metodo mafioso.

L’avvocato difensore Italo Palmara, commenta la vicenda del suo assistito. “Nello stesso momento in cui il Tribunale di Reggio Calabria e quello di Firenze hanno giudicato in due differenti procedimenti il mio assistito incompatibile col regime carcerario per gravi motivi di salute – spiega l’avvocato-, in un terzo procedimento il Tribunale di Brescia, inspiegabilmente e a fronte della medesima documentazione medica, lo ha ritenuto compatibile col regime carcerario ed ha rigettato ogni mia richiesta di scarcerazione”.

La situazione però si aggrava. I legali fanno ulteriori istanze per la concessione dei domiciliari. Il 30 maggio Carmelo Caminiti inizia a fare lo sciopero della fame e sete perché si sente vittima di un sopruso. L’ 11 agosto si aggrava e finisce in coma. L’avvocato ha presentato quindi un’altra istanza urgente, ricordando il rigetto delle istanze precedenti nonostante le documentate gravissime patologie che già presentava il detenuto. Ha ricordato come il Gip, motivando il mancato accoglimento dei domiciliari, scrisse che “il pericolo per la salute del detenuto in relazione all’emergenza sanitaria in atto è evocato solo in termini astratti”. L’avvocato Palmara del foro di Reggio Calabria, nell’istanza, ha anche fatto presente di aver conferito con la dottoressa, la quale ha definito la situazione “gravemente compromessa”. Alla fine, come detto, il giorno stesso che è uscito l’articolo, ovvero il 21 agosto scorso, arriva la concessione degli arresti domiciliari. Tempo due settimane, Caminiti muore.

In merito alla morte, l’avvocato commenta duramente: “Chi si è reso responsabile di tutto ciò dovrà rispondere giudizialmente del suo operato. Anche se, purtroppo, a giudicarlo sarà qualche suo collega e dunque non nutro grosse speranze che i familiari possano finalmente ottenere giustizia, perché, come si dice, lupo non mangia lupo”.