fbpx

Ponte sullo Stretto, vittoria di Pirro del Si: strappato “l’impegno a prevedere collegamento stabile” tra Sicilia e Calabria in ottica Recovery Fund

ponte sullo stretto

Ponte sullo Stretto. “Non siamo completamente soddisfatti perché l’unica grande opera possibile ed immediatamente cantierabile sarebbe il Ponte, non il ridicolo tunnel sotto lo Stretto”

Un piccolo passo in avanti verso una posizione di buon senso in merito a ciò che dovrebbero rappresentare le infrastrutture per il nostro Paese e, in particolare, per il Mezzogiorno. Entra, infatti, nei rilievi alla relazione della Commissione Trasporti della Camera sul Recovery Fund la realizzazione di un’opera strategica per l’Italia, come potrebbe essere il Ponte sullo Stretto di Messina. Rispetto alla chiusura totale che vi era stata in un primo momento, e che escludeva qualunque ipotesi di costruire una infrastruttura tra Sicilia e Calabria, si è riuscito ad inserire in questo documento quantomeno l’impegno a prevedere un collegamento stabile e adeguato tra le due regioni”. Così Matilde Siracusano, deputata messinese di Forza Italia.

Per questo risultato mi sento di ringraziare, da parlamentare ma, soprattutto, anche da cittadina messinese, i colleghi di Forza Italia in Commissione Trasporti per il prezioso lavoro e per aver portato a casa questo risultato – prosegue la deputata –. Non siamo, chiaramente, completamente soddisfatti, perché l’unica grande opera possibile, immediatamente cantierabile, e che andrebbe sostenuta in modo bipartisan da maggioranza e opposizione, sarebbe il Ponte sullo Stretto di Messina, mentre all’interno dell’esecutivo ci sono esponenti che ancora tirano in ballo il ridicolo tunnel sotto lo Stretto. Nei prossimi mesi andrà inevitabilmente assunta una decisione politica, strategica per il futuro del Paese e del Sud. Il premier Conte rifletta attentamente e non si faccia influenzare da pregiudizi ideologici“.