fbpx

È morto Philippe Daverio: storico dell’arte e divulgatore

Docente e saggista, ex assessore alla Cultura del Comune di Milano: Philippe Daverio si è spento all’età di 70 anni

È morto Philippe Daverio, critico d’arte, gallerista, docente, scrittore, divulgatore, personaggio televisivo ed ex assessore alla Cultura del Comune di Milano. Era nato nel 1949 a Mulhouse, in Alsazia, che considerava il crocevia dell’Europa, da padre italiano. Poliglotta, parlava quasi tutte le lingue europee. Si trasferì nel comune lombardo intorno al Sessantotto, che fece a modo suo, sfilando nei cortei con il papillon: già da giovane il suo modo di vestire eccentrico lo distingueva dai conformismi. Trovò presto la sua strada aprendo una galleria d’arte che divenne in breve tempo una delle più importanti della città, subito protagonista dei corsi e ricorsi del gusto, per esempio nella rivalutazione dell’arte italiana del Novecento, tra cui quella di epoca fascista.

“Amico mio ….il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina”, ha scritto la regista e direttrice del “Franco Parenti” Andree Ruth Shammah su Instagram. Ha commentato Emanuele Fiano del Pd: “Andree Ruth Shammah ci dà purtroppo notizia della scomparsa di Philippe Daverio uomo di grande cultura, simpatia e umanità. Una grande perdita per Milano e per tutti. Sono molto addolorato per la sua scomparsa. Sia lieve a lui la terra”. “Una gravissima perdita – ha aggiunto il presidente dell’Anpi provinciale di Milano Roberto Cenatiper il Paese, per Milano, per la cultura, per tutti noi”.

“Intellettuale di straordinaria umanità – così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini – , un capace divulgatore della cultura, uno storico dell’arte sensibile e raffinato. Con sagacia e passione, ha accompagnato le italiane e gli italiani nell’affascinante scoperta delle architetture, dei paesaggi, dell’espressione creativa, degli artisti, delle fonti del nostro patrimonio culturale. Tutto questo era Philippe Daverio, un uomo di cui ho sempre apprezzato la grande intelligenza e lo spirito critico e che già manca a tutti noi”.