fbpx

Messina, il ministro dell’Istruzione in visita a Patti: “In questo momento la scuola è più importante di tutto”

ministro istruzione azzolina patti

Messina. Il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina in visita all’istituto superiore “Borghese-Faranda” di Patti: “Questo territorio ha restituito agli studenti la scuola con la ‘S’ maiuscola”

Questa mattina il ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina, si è recato in visita all’istituto superiore “Borghese-Faranda” di Patti, in provincia di Messina.
Ad accogliere il ministro la dirigente scolastica Francesca Buda, il prefetto Maria Carmela Librizzi, il dirigente dell’Ufficio Scolastico regionale Stefano Suraniti, la dirigente dell’ufficio scolastico di Messina, Ornella Riccio e il vescovo Guglielmo Giombanco.
Per quanto riguarda esponenti del mondo della politica erano presenti anche la senatrice Barbara Floridia e l’onorevole Antonella Papiro, entrambe del M5s.

Durante l’incontro Azzolina ha dichiarato: “Le scuole possono ripartire soltanto se c’è collaborazione da parte di tutti quanti: enti locali, dirigenti, docenti, personale Ata. Questo è un territorio che questo lavoro lo ha fatto ed ha restituito agli studenti e alle studentesse la Scuola, con la s maiuscola“.

Riguardo al contesto generico della scuola in Sicilia, il ministro ha ringraziato il dirigente dell’ufficio scolastico regionale Suraniti “per il lavoro enorme fatto”.
Negli anni scorsi – ha aggiunto – in questo periodo si facevano ancora le assegnazioni provvisorie in Sicilia. Adesso il novanta percento dei supplenti è stato nominato, quindi penso che sia un ottimo risultato. Piccole criticità ancora ci sono, sono in via di risoluzione come in tutti gli anni scolastici che ci hanno preceduto“.

Faccio un appello ulteriore: le regole non possono essere rispettate solo a scuola“, ha poi dichiarato il ministro Lucia Azzolina a margine della visita all’Istituto Borghese-Faranda. “Oggi a scuola ci sono regole molto precise dal punto di vista sanitario, ma queste regole da sole non possono bastare se fuori da scuola, poi, non vengono rispettate: utilizzo della mascherina quando necessario, il rispetto del distanziamento, l’igiene delle mani. In questo momento – ha proseguito – i contagi che abbiamo avuto non sono legati alla scuola, ma ad altro: vengono dall’esterno. E allora bisogna stare molto attenti, perché rispettare le regole anche fuori dalla scuola ci permette di mantenerla aperta. Il mio appello è rivolto a tutti, studenti e famiglie. In questo momento la scuola è più importante di tutto, di tutto”.

Oltre che quella al “Borghese-Faranda” di Patti, per il ministro sarebbe stata in programma anche una visita presso una scuola di Lipari, annullata a causa delle condizioni meteomarine avverse.

Messina, il ministro dell’Istruzione in visita all’Istituto Tecnico Tecnologico “Majorana” di Milazzo [FOTO]