fbpx

Fotomontaggio pornografico, Fiamma Tricolore: “campagna elettorale sempre più avvelenata, solidarietà ad Angela Marcianò e Vincenzo Morabito”

Fotomontaggio pornografico, la nota di Giuseppe Minnella Portavoce provinciale Movimento Sociale Fiamma Tricolore

“La segreteria provinciale e quella regionale del Movimento Sociale Fiamma Tricolore esprimono la loro incondizionata solidarietà al nostro candidato sindaco Angela Marcianò ed al consigliere della lista “Per Reggio Città Metropolitana” Vincenzo Morabito per i vili atti che in questi ultimi giorni li hanno visti sfortunati protagonisti”. Lo afferma in una nota Giuseppe Minnella Portavoce provinciale Movimento Sociale Fiamma Tricolore.

“Dapprima la chiara intimidazione mafiosa a Vincenzo, persona onesta e perbene, che ha deciso di metterci la faccia in questa tornata elettorale per contribuire al cambiamento di una città ormai in macerie; ieri il vile ed inqualificabile gesto contro sessista, autentica porcheria, contro Angela Marcianò. Due episodi incommentabili”.

“Siamo purtroppo costretti ancora una volta a ripeterci: già da diverse settimane il Movimento Sociale Fiamma Tricolore denuncia il brutto clima in cui si sta svolgendo questa campagna elettorale senza che nessuno intervenga per far abbassare i toni e riportare la discussione sui binari della civiltà: attacchi quotidiani al nostro movimento con note stampa grondanti di odio politico con la chiara complicità di un certo giornalismo militante che ci riportano ad anni bui della storia d’Italia”.

“Rinnoviamo pertanto il nostro fino ad oggi ancora inascoltato appello a tutte le componenti politiche, ai candidati a sindaco, alle istituzioni ad intervenire con i loro rappresentanti affinchè simili atti non si verifichino più e si possa assistere in modo sereno agli ultimi giorni di campagna elettorale.

Comunali Reggio Calabria, se i maiali irrompono in campagna elettorale: fotomontaggio porno con Angela Marcianò diffuso su Whatsapp, “denunciati tutti, la pagheranno” [VIDEO]

Foto porno con Angela Marcianò, adesso femministe e garanti restano muti. E per il Sindaco se l’è cercata: così l’odio vince sulla civiltà