fbpx

Fase 3: da Bei 200 mln a Unicredit per sostenere imprese

Milano, 7 set. (Adnkronos) – Unicredit e Banca europea per gli investimenti mettono a disposizione nuove risorse per stimolare la ripresa dell’economia colpita dagli effetti della pandemia di coronavirus. Un accordo siglato prevede risorse per 200 milioni di euro messi a disposizione di Unicredit da Bei e dedicati a pmi fino a 250 dipendenti e Midcap fino a 3 mila dipendenti. La nuova linea di credito, finalizzata a fronteggiare l’emergenza in corso, prevede sia il finanziamento di nuovi progetti d’investimento, con durata massima di cinque anni, che la copertura del fabbisogno di capitale circolante, in considerazione della fase eccezionale che il tessuto economico italiano sta vivendo.
Gli interventi sono destinati ad aziende localizzate in tutta Italia e attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi. I fondi Bei potranno essere utilizzati per il finanziamento di progetti che abbiano un costo individuale massimo di 25 milioni di euro e potranno coprire il 100% del finanziamento per un importo non superiore a 12,5 milioni di euro per ciascun progetto.
Bei e Unicredit hanno concordato per questa linea di credito criteri di ammissibilità straordinari a favore delle imprese. In particolare è ammissibile il finanziamento del capitale circolante, comprese le retribuzioni, gli oneri fiscali, i contributi previdenziali, le spese amministrative e altri costi operativi nonché le linee di credito multifunzionali, anche se si tratta di proroga o rinnovo di prestiti di capitale circolante. Rimangono escluse le sole operazioni puramente finanziarie e immobiliari. Negli ultimi cinque anni le risorse Bei che Unicredit ha destinato alle imprese in Italia ammontano a circa cinque miliardi, con più di 4mila progetti finanziati.