fbpx

Elezioni, Galli: “Voterò con mascherina, mie critiche sui tempi”

Milano, 13 set. (Adnkronos Salute) – E’ un rischio, in tempi di Covid-19, andare ai seggi per esprimere la propria preferenza o per fare lo scrutatore? “Posso solo dire che io stesso andrò a votare, con la mascherina. E non ho mai detto che non si debba andare. Mi sono però espresso criticamente sul fatto di avere interpolato le elezioni con l’apertura delle scuole, in un momento in cui siamo ancora in una dichiarata emergenza sanitaria”. Ne fa una questione di tempi Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco-università degli Studi di Milano e collega la sua riflessione sulle elezioni all’attuale fase della pandemia di Sars-CoV-2.
Le elezioni si terranno in un periodo particolare, con “le scuole che avranno appena aperto i battenti”, fra difficoltà operative e protocolli, e dovranno lasciar spazio ai seggi per poi tornare ad accogliere i ragazzi. L’esperto non commenta l’aspetto relativo ai rischi. Ma nei giorni scorsi aveva fatto notare come il contesto della consultazione elettorale implica code, espone a un rischio assembramenti, sposta un’ampia popolazione, il tutto con le problematiche sanitarie che permangono. “Certamente con la mascherina si può andare a votare e nessuno mi può dire che io ho suggerito di non andare”, spiega all’Adnkronos Salute.
“Sull’opportunità della decisione di fare le votazioni proprio ora ci sarebbe stato da fare un ragionamento – conclude – e io mi sono espresso criticamente sull’opportunità di fare una scelta del genere in questo momento”.